Crea sito

Cosa intendeva Gesù quando disse di “rimanere in me”?

“Se rimani in me e le mie parole rimangono in te, chiedi quello che vuoi e ti sarà fatto” (Giovanni 15: 7).

Con un versetto così importante della Scrittura come questo, quello che mi viene subito in mente e, si spera, anche il tuo, è perché? Perché questo verso, “se rimani in me e la mia parola rimane in te”, è così importante? Ci sono due ragioni importanti che affrontano questa domanda.

1. Potere vivente

Come credente, Cristo è la tua fonte. Non c’è salvezza senza Cristo e non c’è vita cristiana senza Cristo. In precedenza in questo stesso capitolo (Giovanni 15: 5) Gesù stesso ha detto “senza me non puoi fare nulla”. Quindi, per vivere una vita efficace, hai bisogno di un aiuto che vada oltre te stesso o le tue capacità. Ricevi quell’aiuto quando rimani in Cristo.

2. Trasformare il potere

La seconda parte di quel versetto, “le mie parole rimangono in te”, sottolinea l’importanza della parola di Dio. In poche parole, la parola di Dio ti insegna come vivere e Gesù, attraverso il potere dello Spirito Santo, ti aiuta a mettere in pratica ciò che insegna la parola di Dio. Dio usa la parola per trasformare il modo in cui credi, come pensi e, in definitiva, come agisci o vivi.

Vuoi vivere una vita trasformata che rappresenti bene Gesù in questo mondo? Per farlo devi rimanere in lui e lasciare che la sua parola rimanga in te.

Cosa significa questo verso?
Rimanere significa dimorare o dimorare. L’implicazione non è che si tratti di un evento occasionale, ma che si tratti di qualcosa che è in corso. Pensa a qualsiasi cosa elettrica che hai in casa. Affinché quell’elemento funzioni correttamente, deve essere collegato alla fonte di alimentazione. Per quanto grande e intelligente sia il dispositivo, se non ha alimentazione non funziona.

Tu ed io siamo allo stesso modo. Per quanto spaventosamente e meravigliosamente fatto come sei, non puoi compiere le cose di Dio se non sei connesso alla fonte del potere.

Gesù ti chiama a dimorare o continuare in lui e affinché la sua parola dimori o continui in te: le due cose sono intrecciate. Non puoi dimorare in Cristo senza la sua parola e non puoi veramente dimorare nella sua parola e rimanere separato da Cristo. Uno si nutre naturalmente dell’altro. Allo stesso modo, l’apparecchio non può funzionare senza rimanere collegato alla corrente. Inoltre, l’apparecchio non può rifiutarsi di funzionare neanche una volta collegato all’alimentazione. I due lavorano insieme e si intrecciano.

In che modo la Parola rimane in noi?
Soffermiamoci un momento su una parte di questo verso e sul perché è importante. “Se rimani in me e le mie parole rimangono in te. “In che modo la parola di Dio rimane in te? La risposta è probabilmente qualcosa che già conosci. Per quanto le persone cerchino di allontanarsi dalle basi, saranno sempre fondamentali per il tuo cammino con Dio. Ecco come eseguire questa operazione:

Leggere, meditare, memorizzare, obbedire.

Joshua 1: 8 dice: “Tieni questo libro della Legge sempre sulle tue labbra; meditateci giorno e notte, in modo da stare attenti a fare tutto ciò che vi è scritto. Allora sarai prospero e di successo. “

C’è potere nel leggere la parola di Dio. C’è potere nel meditare sulla parola di Dio. C’è potere nel memorizzare la parola di Dio. Alla fine c’è potere nell’ubbidire alla parola di Dio. La buona notizia è che quando rimani in Gesù, ti dà il desiderio di camminare in obbedienza alla sua parola.

Qual è il contesto di Giovanni 15?
Questa parte di Giovanni 15 fa parte di un discorso più lungo iniziato in Giovanni 13 . Considera Giovanni 13: 1 :

“Era appena prima della festa della Pasqua. Gesù sapeva che era venuta per lui l’ora di lasciare questo mondo e andare dal Padre. Avendo amato i suoi che erano nel mondo, li amò fino alla fine “.

Da questo punto in poi, attraverso Giovanni 17 , Gesù procede a dare ai suoi discepoli alcune istruzioni finali. Sapendo che l’ora era vicina, è come se volesse ricordare loro le cose più importanti da ricordare quando non era più qui.

Pensa a una persona che è malata terminale con solo pochi giorni di vita e ha una conversazione con te su ciò che è importante e su ciò su cui devi concentrarti. È probabile che quelle parole abbiano un significato maggiore per te. Queste sono tra le ultime istruzioni e incoraggiamenti che Gesù diede ai suoi discepoli, quindi dà maggior peso al motivo per cui è importante. “Se rimani in me e le mie parole rimangono in te” non erano parole leggere allora, e certamente non sono parole leggere ora.

Cosa significa il resto di questo verso?
Finora ci siamo concentrati sulla prima parte, ma c’è una seconda parte di questo verso e dobbiamo considerare perché è importante.

“Se rimani in me e le mie parole rimangono in te, chiedi quello che desideri e ti sarà fatto”

Aspetta un minuto: Gesù ha appena detto che possiamo chiedere quello che vogliamo e sarà fatto? L’hai letto correttamente, ma richiede un po ‘di contesto. Questo è un altro esempio di queste verità intrecciate insieme. Se ci pensi davvero, questa è un’affermazione incredibile, quindi capiamo come funziona.

Come abbiamo discusso in precedenza, quando rimani in Cristo questa è la fonte del tuo potere di vivere. Quando la parola di Dio rimane in te, questo è ciò che Dio usa per trasformare la tua vita e il tuo modo di pensare. Quando queste due cose funzionano correttamente ed efficacemente nella tua vita, allora puoi chiedere quello che desideri perché sarà in linea con Cristo in te e la parola di Dio in te.

Questo verso sostiene un vangelo della prosperità?
Questo verso non funziona ed ecco perché. Dio non risponde alle preghiere che nascono da motivazioni sbagliate, egoiste o avide. Considera questi versetti in Giacomo:

“Cosa sta causando i litigi e le liti tra di voi? Non vengono dai desideri malvagi in guerra dentro di te? Vuoi quello che non hai, quindi complotti e uccidi per ottenerlo. Sei geloso di quello che hanno gli altri, ma non puoi ottenerlo, quindi combatti e fai la guerra per portarglielo via. Eppure non hai quello che vuoi perché non lo chiedi a Dio. E anche quando lo chiedi, non capisci perché le tue motivazioni sono tutte sbagliate: vuoi solo ciò che ti darà piacere ”( Giacomo 4: 1-3 ).

Quando si tratta di Dio che risponde alle tue preghiere, i motivi contano. Sia chiaro: Dio non ha problemi a benedire le persone, anzi gli piace farlo. Il problema nasce quando le persone sono più interessate a ricevere le benedizioni, senza volere colui che benedice.

Notate l’ordine delle cose in Giovanni 15: 7 . Prima di chiedere, la prima cosa che fai è rimanere in Cristo dove diventa la tua fonte. La prossima cosa che fai è lasciare che la sua parola rimanga in te dove ti allinei come credi, come pensi e come vivi con ciò che desidera. Quando avrai allineato la tua vita in questo modo, le tue preghiere cambieranno. Saranno in linea con i suoi desideri perché ti sei allineato con Gesù e la sua parola. Quando ciò accadrà, Dio risponderà alle tue preghiere perché saranno in linea con ciò che vuole fare nella tua vita.

“Questa è la fiducia che abbiamo nell’avvicinarci a Dio: che se chiediamo qualcosa secondo la sua volontà, ci ascolta. E se sappiamo che ci ascolta, qualunque cosa chiediamo, sappiamo che abbiamo ciò che gli abbiamo chiesto ”( 1 Giovanni 5: 14-15 ).

Quando sei in Cristo e le parole di Cristo sono in te, pregherai secondo la volontà di Dio. Quando le tue preghiere si allineano con ciò che Dio desidera fare, puoi essere certo che avrai ciò che hai chiesto. Tuttavia, puoi arrivare a questo posto solo rimanendo in Lui e le sue parole rimanendo in te.

Cosa significa questo verso per la nostra vita quotidiana?
C’è una parola che questo verso significa per la nostra vita quotidiana. Quella parola è frutto. Considera questi versetti precedenti in Giovanni 15 :

“Rimani in me, come anch’io rimango in te. Nessun ramo può portare frutto da solo; deve rimanere nella vite. Né puoi portare frutto se non rimani in me. ‘Io sono la vite; tu sei i rami. Se rimani in me e io in te, porterai molto frutto; senza me non puoi fare nulla ”( Giovanni 15: 4-5 ).

È davvero abbastanza semplice e allo stesso tempo si perde facilmente. Fatti questa domanda: vuoi portare molti frutti per il Regno di Dio? Se la risposta è sì, c’è solo un modo per farlo, devi rimanere connesso alla vite. Non c’è altro modo. Più sei connesso e legato a Gesù, più sei connesso alla sua parola nella tua vita e più frutti porterai. Onestamente, non sarai in grado di aiutarlo perché sarà il risultato naturale della connessione. Più restante, più connessione, più frutto. E ‘davvero così semplice.

Combatti per rimanere in lui
La vittoria sta nel rimanere. La benedizione sta nel rimanere. La produttività e la frutta sono in restante. Tuttavia, così è la sfida di rimanere. Sebbene rimanere in Cristo e le sue parole rimanere in te sia semplice da capire, a volte è più difficile da eseguire. Ecco perché devi lottare per questo.

Ci saranno molte cose per distrarti e allontanarti dal luogo in cui ti trovi. Devi resistere a loro e lottare per restare. Ricorda che al di fuori della vite non c’è potere, nessuna produttività e nessun frutto. Oggi vi incoraggio a fare tutto il necessario per rimanere in contatto con Cristo e la sua parola. Ciò potrebbe richiedere che ti scolleghi da altre cose, ma penso che sarai d’accordo sul fatto che il frutto che porterai e la vita che vivrai renderanno quel sacrificio degno di tutto.