Crea sito

Cosa insegna Gesù riguardo all’inciampo e al perdono?

Non volendo svegliare mio marito, andai a letto in punta di piedi al buio. A mia insaputa, il nostro barboncino standard da 84 libbre aveva arrotolato il tappeto accanto al mio letto. Sono inciampato e ho colpito il pavimento – forte. Non credo che Max abbia deciso di farmi cadere quando ha attaccato il tappeto. Ma il suo divertimento mi ha lasciato con la schiena dolorante e il ginocchio storto.

Hai mai considerato che il nostro comportamento negligente può far inciampare le persone nella loro fede? Gesù disse: “È inevitabile che arrivino pietre d’inciampo, ma guai a colui attraverso il quale vengono! Sarebbe meglio per lui se gli fosse appesa una macina al collo e fosse gettato in mare, piuttosto che farebbe inciampare uno di questi piccoli ”( Luca 17: 1-2 NASB).

Cos’è un ostacolo?
Blue Letter Bible definisce un ostacolo come “qualsiasi persona o cosa da cui si è (intrappolati) nell’errore o nel peccato”. Forse non intendiamo far inciampare qualcuno nella sua fede, ma le nostre azioni, o la mancanza di essa, possono portare altri all’errore o al peccato.

In Galati, Paolo affrontò l’apostolo Pietro per aver fatto inciampare i credenti. La sua ipocrisia ha portato fuori strada anche il fedele Barnaba.

“Quando Cefa venne ad Antiochia, mi opposi a lui apertamente, perché era condannato. Perché prima che alcuni uomini venissero da Giacomo, era solito mangiare con i pagani. Ma quando sono arrivati, ha cominciato a indietreggiare e separarsi dai pagani perché aveva paura di coloro che appartenevano al gruppo della circoncisione. Gli altri ebrei si unirono a lui nella sua ipocrisia, così che con la loro ipocrisia anche Barnaba fu sviato ”( Galati 2: 11-13 ).

Come Pietro, la pressione di conformarci o di non richiamare l’attenzione su noi stessi può indurci a compromettere i nostri valori di fede. Potremmo pensare che le nostre azioni non abbiano importanza. Ma le nostre azioni hanno un impatto sugli altri e su noi stessi.

Al giorno d’oggi, siamo costantemente bombardati da opinioni e programmi diversi, molti dei quali sono in diretto contrasto con gli insegnamenti della Bibbia . La pressione per conformarsi a una cultura mondiale che è contro Cristo è intensa.

A volte quando vedo qualcuno che si batte pubblicamente per ciò che è giusto, piuttosto che conformarsi all’opinione popolare, penso a Shadrach, Meshach e Abednego , i tre giovani che stavano in piedi quando tutti gli altri si inginocchiavano davanti a un idolo d’oro ( Daniele 3 ). La loro resistenza li fece gettare in una fornace ardente.

Ci costa resistere alla cultura e difendere la nostra fede. Ma Gesù ha avvertito che seguire la corrente ed essere un ostacolo che porta i giovani credenti all’errore costa di più. Gesù disse: “Sarebbe meglio … essere gettati in mare con una macina da mulino legata al collo piuttosto che far inciampare uno di questi piccoli” ( Luca 17: 2 ).

Nella fornace, Shadrac, Meshach e Abednego incontrarono il Cristo preincarnato. La loro protezione miracolosa ha attirato l’attenzione del sovrano pagano. Nemmeno un capello è stato bruciato! E il loro coraggio ci ispira ancora oggi. Gesù ricompensa coloro che stanno con lui, sia in questa vita che per l’eternità.

Non inciampare in un’offesa
Dopo aver detto ai discepoli di vegliare su se stessi, Gesù parlò di come trattare con coloro che ci sbagliavano. Stava cambiando argomento? Non credo proprio.

“Quindi state attenti. Se tuo fratello o tua sorella pecca contro di te, rimproverali ”( Luca 17: 3 ).

Quando un compagno di fede pecca contro di noi, Gesù non dice di trascurarlo. Dice di rimproverarli. Perché dovrebbe dirlo? Credo che voglia proteggerci dal risentimento e dal diventare passivamente complice del loro peccato. Questo dà anche a quel fratello o sorella l’opportunità di pentirsi. Se stanno facendo un torto a noi, probabilmente stanno facendo del torto anche agli altri. Rimproverare il peccato protegge entrambi. Non vogliamo consentire comportamenti peccaminosi.

Perdonali – più e più volte
“E se si pentono, perdonali. Anche se peccano contro di te sette volte in un giorno e sette volte tornano da te dicendo “Mi pento”, devi perdonarli ”( Luca 17: 3-4 ).

Il numero sette rappresenta spesso la completezza. Significa che continuiamo a perdonare, non importa quante volte ripetano il loro torto ( Matteo 18: 21-22 ).

Se qualcuno venisse da me sette volte in un giorno dicendo: “Mi pento”, non mi fiderei di loro. La buona notizia è che Gesù non dice di fidarsi di loro. Dice di perdonarli .

Perdonare significa “lasciar andare, lasciar essere”. Significa anche “cancellare un debito”. In Matteo 18: 23-35 , Gesù racconta la parabola di un re che condonò l’enorme debito di un servo contro di lui. Il servo perdonato quindi uscì per riscuotere debiti minori da un compagno di servizio. Quando l’uomo non poteva pagare, il debitore perdonato ha gettato il suo collega di servizio in prigione.

Dopo essere stato perdonato così tanto dal suo re, ti aspetteresti che quest’uomo fosse desideroso di perdonare coloro che gli dovevano molto meno. La sua mancanza di perdono ha scioccato tutti coloro che lo hanno visto.

Naturalmente, il re rappresenta Gesù, il Re dei re. Siamo il servo a cui è stato perdonato molto. Non perdonare un peccato minore dopo aver ricevuto tanta grazia – dopo tutto, il nostro peccato ha crocifisso il Figlio di Dio – è malvagio e spaventoso.

Quando il re seppe della mancanza di perdono di quest’uomo, lo consegnò per essere torturato. Chiunque abbia albergato amarezza nel proprio cuore conosce quei torturatori. Ogni volta che si pensa di quella persona o il modo in cui si torto, si soffre.

Quando ci rifiutiamo di perdonare coloro che ci hanno offeso, inciampiamo nella loro offesa e gli altri si rovesciano su di noi. Il perdono protegge i nostri cuori dall’amarezza. Ebrei 12:15 dice che l’amarezza può contaminare molti. Quando i giovani credenti ci vedono serbare rancore dopo che Dio ci ha perdonati, diventiamo un ostacolo che può portarli al peccato.

Aumenta la nostra fede
I discepoli hanno risposto in modo molto simile a te e io: “Aumenta la nostra fede!” ( Luca 17: 5 ).

Quanta fede ci vuole per perdonare un recidivo? Non tanto quanto potresti pensare. Gesù racconta una storia per illustrare che il perdono non dipende dalle dimensioni della nostra fede, ma dall’oggetto della nostra fede.

“Egli rispose: ‘Se hai una fede piccola come un granello di senape, puoi dire a questo gelso:’ Sii sradicato e piantato nel mare ‘, e ti obbedirà” ( Luca 17: 6 ).

Forse sta dicendo che un granello di senape della fede può sradicare un albero dell’amarezza. Continua sottolineando la differenza tra fare qualcosa perché ne abbiamo voglia e farlo perché Gesù ce lo dice.

“Supponiamo che uno di voi abbia un servitore che ara o si prende cura delle pecore. Dirà al servo quando tornerà dal campo: “Vieni ora e siediti a mangiare”? Non dirà piuttosto: ‘Preparatemi la cena, preparatevi e aspettatemi mentre mangio e bevo; dopo di che puoi mangiare e bere ‘? Ringrazierà il servo perché ha fatto quello che gli era stato detto di fare? Così anche voi, dopo aver fatto tutto ciò che vi era stato detto di fare, dovreste dire: “Siamo servitori indegni; abbiamo solo fatto il nostro dovere ‘”( Luca 17: 6-10 ).

Un servo svolge le sue responsabilità, non perché ne abbia voglia, ma perché è suo dovere. Anche quando un servitore torna stanco e affamato dal lavoro nel campo, prepara la cena del suo padrone prima della sua.

Quando Gesù ci dice di perdonare, noi perdoniamo, non perché è conveniente o perché ne abbiamo voglia. Perdoniamo perché è il nostro padrone e noi siamo i suoi servi. Lo facciamo per compiacere il nostro Maestro.

Il perdono è una questione di dovere. Non aspettiamo di avere più fede per obbedire. Scegliamo di obbedire e Lui ci fornisce la forza per lasciar andare i torti che abbiamo sofferto.

Quando siamo tentati di scendere a compromessi, possiamo ricordare l’avvertimento di Gesù e stare attenti a noi stessi. Gesù ha detto che gli ostacoli verranno nel mondo. Possiamo stare attenti a non esserlo.