Crea sito

Cosa dovrebbero sapere i cristiani sull’anno del Giubileo

Giubileo significa corno di montone in ebraico ed è definito in Levitico 25: 9 come l’anno sabbatico dopo i sette cicli di sette anni, per un totale di quarantanove anni. Il cinquantesimo anno doveva essere un periodo di festa e di gioia per gli israeliti. Il corno del montone doveva quindi essere suonato il decimo giorno del settimo mese per iniziare il cinquantesimo anno della redenzione.

L’anno del giubileo doveva essere un anno di riposo per gli israeliti e il paese. Gli israeliti avrebbero avuto un anno di riposo dal loro lavoro e il paese si sarebbe riposato per produrre un abbondante raccolto dopo il suo riposo.

Giubileo: un tempo per riposare
L’anno giubilare prevedeva la liberazione dai debiti ( Levitico 25: 23-38 ) e tutti i tipi di schiavitù ( Levitico 25: 39-55 ). Tutti i prigionieri e prigionieri dovevano essere liberati durante quest’anno, i debiti condonati e tutti i beni restituiti ai proprietari originali. Tutto il lavoro doveva cessare per un anno. Il punto dell’anno giubilare era che gli israeliti avrebbero dedicato un anno di riposo al Signore, riconoscendo che Egli aveva provveduto ai loro bisogni.

C’erano dei vantaggi perché non solo dava una pausa alla gente, ma la vegetazione non cresceva se le persone lavoravano troppo sulla terra. Grazie all’istituzione di un anno di riposo da parte del Signore, la terra ebbe il tempo di riprendersi e produrre un raccolto più consistente negli anni futuri.

Uno dei motivi principali per cui gli israeliti andarono in cattività era che non osservavano questi anni di riposo come comandato dal Signore ( Levitico 26 ). Non riuscendo a riposare nell’anno giubilare, gli israeliti hanno rivelato che non si fidavano che il Signore provvedesse per loro, quindi hanno raccolto le conseguenze della loro disobbedienza.

L’anno del Giubileo prefigura l’opera compiuta e sufficiente del Signore Gesù. Attraverso la morte e la risurrezione di Gesù, Egli allevia i peccatori dai loro debiti spirituali e dalla schiavitù del peccato. Oggi i peccatori possono essere liberati da entrambi per avere sia unione che comunione con Dio Padre e godere della comunione con il popolo di Dio.

Perché una liberazione dal debito?
Anche se l’anno del Giubileo ha comportato la liberazione di un debito, dobbiamo stare attenti a non leggere la nostra comprensione occidentale del rilascio del debito in questa particolare situazione. Se un membro della famiglia israelita aveva un debito, poteva chiedere alla persona che coltivava la sua terra un pagamento forfettario in base al numero di anni prima dell’anno giubilare. Il prezzo sarebbe quindi determinato dal numero previsto di raccolti da produrre prima del Giubileo.

Ad esempio, se avessi un debito di duecentocinquantamila, e mancano cinque anni prima del Giubileo, e ogni raccolto vale cinquantamila, l’acquirente ti darebbe i duecentocinquantamila per i diritti di coltivare la terra . Al tempo del Giubileo, avresti ricevuto indietro la tua terra perché il debito era stato estinto. L’acquirente, quindi, per essere chiari, non possiede il terreno ma lo affitta. Il debito è ripagato dai raccolti che la terra produce.

Non è possibile sapere come è stato determinato il prezzo esatto per ogni anno di raccolto, ma è plausibile suggerire che il prezzo abbia tenuto conto di alcuni anni che sarebbero stati più redditizi di altri. Al tempo del Giubileo, gli israeliti potevano rallegrarsi del debito estinto e il paese tornò a essere completamente utilizzato. Anche così, non ringrazieresti il ​​locatario per aver perdonato il tuo debito. Il Giubileo è stato l’equivalente della nostra “festa che brucia i mutui” di oggi. Festeggereste con gli amici che questo debito significativo era stato pagato.

Il debito viene condonato o cancellato perché saldato per intero.

Ma perché l’Anno del Giubileo ogni 50 anni?

Il cinquantesimo anno era un tempo in cui la libertà sarebbe stata proclamata a tutti gli abitanti di Israele. La Legge aveva lo scopo di beneficiare tutti i padroni e i servi. Gli israeliti dovevano la loro vita alla volontà sovrana di Dio. Solo attraverso la lealtà a Lui erano liberi e potevano sperare di essere liberi e indipendenti da tutti gli altri maestri.

I cristiani possono celebrarlo oggi?
L’anno del giubileo si applicava solo agli israeliti. Anche così, è importante perché ricorda al popolo di Dio di riposarsi dalle proprie fatiche. Anche se l’anno giubilare non è vincolante per i cristiani di oggi, fornisce anche un bellissimo quadro dell’insegnamento del Nuovo Testamento sul perdono e la redenzione.

Il Cristo Redentore venne per liberare schiavi e prigionieri al peccato ( Romani 8: 2 ; Galati 3:22 ; 5:11). Il debito del peccato che i peccatori devono al Signore Dio è stato pagato sulla croce al posto nostro quando Gesù è morto per noi ( Colossesi 2: 13-14 ), perdonando il loro debito per sempre nell’oceano del Suo sangue. Il popolo di Dio non è più schiavo, non è più schiavo del peccato, essendo stato liberato da Cristo, così ora i cristiani possono entrare nel riposo che il Signore fornisce. Ora possiamo smettere di lavorare per renderci accettabili a Dio con le nostre opere perché Cristo ha perdonato e perdonato il popolo di Dio ( Ebrei 4: 9-19 ).

Detto questo, ciò che l’anno giubilare ei requisiti per il riposo mostrano ai cristiani è che il riposo deve essere preso sul serio. Il maniaco del lavoro è un problema crescente in tutto il mondo. Il Signore non vuole che il popolo di Dio faccia del lavoro un idolo, pensando che se lavora abbastanza duramente nel proprio lavoro o in qualunque cosa faccia, potrà provvedere ai propri bisogni da solo.

Il Signore, per la stessa ragione, vuole che le persone si allontanino dai loro dispositivi. A volte può sembrare che ci vogliano ventiquattr’ore di distanza dai social media o persino dal computer o da altri dispositivi per concentrarsi sull’adorazione del Signore. Può sembrare ulteriormente concentrarsi sul Signore invece di concentrarsi sul nostro stipendio.

Comunque sia, per voi l’Anno del Giubileo sottolinea la necessità di confidare nel Signore in ogni momento di ogni giorno, mese e anno della nostra vita. I cristiani dovrebbero dedicare tutta la nostra vita al Signore, che è l’obiettivo più grande dell’anno giubilare. Ogni persona può trovare il tempo per riposare, perdonare gli altri per come ci hanno fatto torto e confidare nel Signore.

L’importanza del riposo
Uno degli elementi più critici del Sabbath è il riposo. Il settimo giorno in Genesi, vediamo il Signore riposare perché aveva terminato la Sua opera ( Genesi 2: 1-3 ; Esodo 31:17 ). L’umanità dovrebbe riposare il settimo giorno perché è santo e separato dagli altri giorni lavorativi ( Genesi 2: 3 ; Esodo 16: 22-30 ; 20: 8-11; 23:12). I regolamenti dell’anno sabbatico e giubilare includono il riposo per il paese ( Esodo 23: 10-11 ; Levitico 25: 2-5 ; 11; 26: 34-35). Per sei anni, la terra serve l’umanità, ma la terra può riposare nel settimo anno.

L’importanza di consentire il riposo della terra risiede nel fatto che gli uomini e le donne che lavorano la terra devono capire che non hanno diritti sovrani sulla terra. Invece, servono il Signore sovrano, che è il proprietario della terra ( Esodo 15:17 ; Lev. 25:23 ; Deuteronomio 8: 7-18 ). Il Salmo 24: 1 ci dice chiaramente che la terra è del Signore e tutto ciò che contiene.

Il riposo è un tema biblico essenziale nella vita di Israele. Riposo significa che il loro vagabondare nel deserto era giunto al termine e Israele poteva godere della sicurezza nonostante fosse circondato dai suoi nemici. In Salmo 95: 7-11 , questo tema è legato a un avvertimento agli israeliti di non indurire i loro cuori come avevano fatto i loro antenati nel deserto. Di conseguenza, non sono riusciti a inserire il resto promesso per loro.

Ebrei 3: 7-11 riprende questo tema e gli offre una prospettiva della fine dei tempi. Lo scrittore incoraggia i cristiani a entrare nel luogo di riposo che il Signore aveva dato loro. Per capire questa idea, dobbiamo andare a Matteo 11: 28-29 , che dice: “Venite a me, tutti coloro che sono affaticati e oppressi, e io vi darò riposo. Prendete il mio giogo su di voi e imparate da me, poiché sono mite e modesto di cuore e troverete riposo per le vostre anime “.

Il riposo perfetto può essere trovato in Cristo
Il riposo può essere sperimentato oggi dai cristiani che trovano riposo in Cristo nonostante l’incertezza della loro vita. L’invito di Gesù in Matteo 11: 28-30 deve essere compreso nell’intera Bibbia . Tale comprensione è incompleta se non si menziona che la città e la terra che i fedeli testimoni dell’Antico Testamento desideravano ardentemente ( Ebrei 11:16 ) è il nostro luogo di riposo celeste.

Il riposo della fine dei tempi può diventare una realtà solo quando quel mite e umile Agnello di Dio diventa “Signore dei signori e Re dei re” ( Apocalisse 17:14 ), e coloro che ‘muoiono nel Signore’ possono ‘riposarsi dal loro lavoro’ per sempre ”( Apocalisse 14:13 ). In effetti, questo sarà il riposo. Mentre il popolo di Dio attende quel tempo, ora ha riposo in Gesù tra gli affari della vita mentre noi attendiamo il compimento finale del nostro riposo in Cristo, nella Nuova Gerusalemme.