Crea sito

Conoscere il buddismo: una guida per principianti

Sebbene il buddismo sia praticato in Occidente dall’inizio del XIX secolo, è ancora estraneo alla maggior parte degli occidentali. Ed è ancora spesso travisato nella cultura popolare, nei libri e nelle riviste, sul Web e spesso anche nel mondo accademico. Ciò può rendere difficile l’apprendimento; ci sono molte cattive informazioni là fuori che affogano il buono.

Inoltre, se vai in un tempio buddista o in un centro di dharma , ti potrebbe essere insegnata una versione del buddismo che si applica solo a quella scuola. Il buddismo è una tradizione estremamente diversificata; probabilmente più del cristianesimo. Mentre tutto il buddismo condivide un nucleo di insegnamento di base, è possibile che gran parte di ciò che potrebbe essere insegnato da un insegnante possa essere direttamente contraddetto da un altro.

E poi c’è la Scrittura. La maggior parte delle grandi religioni del mondo ha un canone di base delle Scritture – una Bibbia, se vuoi – che tutti in quella tradizione accettano come autorevoli. Questo non è vero per il buddismo. Esistono tre principali canoni scritturali, uno per il buddismo Theravada , uno per il buddismo Mahayana e uno per il buddismo tibetano . E le molte sette all’interno di queste tre tradizioni spesso hanno le proprie idee su quali scritture valga la pena studiare e quali no. Un sutra venerato in una scuola spesso viene ignorato o completamente respinto da altri.

Se il tuo obiettivo è imparare le basi del buddismo, da dove inizi?

Il buddismo non è un sistema di credenze
Il primo ostacolo da superare è capire che il buddismo non è un sistema di credenze. Quando il Buddha realizzò l’illuminazione , ciò che realizzò era così lontano dall’ordinaria esperienza umana non c’era modo di spiegarlo. Invece, ha ideato un percorso di pratica per aiutare le persone a realizzare l’ illuminazione per se stessi.

Le dottrine del buddismo, quindi, non sono pensate per essere semplicemente credute. C’è un Zen che dice: “La mano che indica la luna non è la luna”. Le dottrine sono più come ipotesi da testare o indicazioni per la verità. Quello che viene chiamato buddismo è il processo mediante il quale le verità delle dottrine possono essere realizzate per se stesse.

Il processo a volte chiamato la pratica, è importante. Gli occidentali discutono spesso se il buddismo sia una filosofia o una religione . Dal momento che non è focalizzato sull’adorazione di un Dio, non si adatta alla definizione occidentale standard di “religione”. Ciò significa che deve essere una filosofia, giusto? Ma in verità non si adatta nemmeno alla definizione standard di “filosofia”.

In una Scrittura chiamata Kalama Sutta , il Buddha ci ha insegnato a non accettare ciecamente l’autorità delle Scritture o degli insegnanti. Gli occidentali spesso amano citare quella parte. Tuttavia, nello stesso paragrafo, ha anche detto di non giudicare la verità delle cose basandosi su deduzioni logiche, ragione, probabilità, “buon senso” o se una dottrina si adatta a ciò che già crediamo. Cosa resta?

Ciò che rimane è il processo o il percorso.

La trappola delle credenze
Molto brevemente, il Buddha insegnò che viviamo in una nebbia di illusioni. Noi e il mondo che ci circonda non siamo ciò che pensiamo che siano. A causa della nostra confusione, cadiamo nell’infelicità e talvolta nella distruttività. Ma l’unico modo per essere liberi da quelle illusioni è di percepire personalmente e intimamente che sono illusioni. Credere semplicemente nelle dottrine sulle illusioni non fa il lavoro.

Per questo motivo, molte delle dottrine e delle pratiche potrebbero inizialmente non avere senso. Non sono logici; non sono conformi a come già pensiamo. Ma se si conformassero semplicemente a ciò che già pensiamo, come potrebbero aiutarci a uscire dalla scatola del pensiero confuso? Le dottrine dovrebbero sfidare la tua attuale comprensione; ecco a cosa servono.

Poiché il Buddha non voleva che i suoi seguaci fossero soddisfatti formando credenze sul suo insegnamento, a volte si rifiutava di rispondere a domande dirette, come “ho un io?” o “come è iniziato tutto?” A volte diceva che la domanda era irrilevante per realizzare l’illuminazione. Ma ha anche avvertito le persone di non rimanere bloccati in opinioni e opinioni. Non voleva che le persone trasformassero le sue risposte in un sistema di credenze.

Le quattro nobili verità e altre dottrine
In definitiva, il modo migliore per imparare il buddismo è scegliere una particolare scuola di buddismo e immergersi in essa. Ma se vuoi imparare da solo per un po ‘prima, ecco cosa ti suggerisco:

Le quattro nobili verità sono il fondamento di base su cui il Buddha ha costruito il suo insegnamento. Se stai cercando di capire la struttura dottrinale del buddismo, questo è il punto di partenza. Le prime tre verità delineano la struttura di base dell’argomento del Buddha sulla causa – e la cura – del dukkha, una parola spesso tradotta come “sofferenza”, sebbene significhi davvero qualcosa di più vicino a “stressante” o “incapace di soddisfare. “

La quarta nobile verità è il profilo della pratica buddista o l’ Ottuplice Sentiero . In breve, le prime tre verità sono il “cosa” e il “perché” e la quarta è il “come”. Più di ogni altra cosa, il buddismo è la pratica dell’Ottuplice Sentiero. Siete incoraggiati a seguire qui i collegamenti agli articoli sulle Verità e il Sentiero e tutti i collegamenti di supporto in essi contenuti.