Crea sito

Come riposare nel Signore quando il tuo mondo è sottosopra

La nostra cultura si crogiola nella frenesia, nello stress e nella mancanza di sonno come un distintivo d’onore. Come riportano regolarmente le notizie, più della metà degli americani non usa i giorni di ferie assegnati ed è probabile che porti con sé lavoro quando si prendono una vacanza. Il lavoro fornisce alla nostra identità l’impegno a garantire il nostro status. Stimolanti come la caffeina e lo zucchero forniscono i mezzi per muoverci al mattino mentre i sonniferi, l’alcol e i rimedi erboristici ci consentono di spegnere con la forza il nostro corpo e la nostra mente per ottenere un sonno agitato prima di ricominciare tutto da capo perché, come dice il motto, “Puoi dormire quando sei morto.” Ma è questo ciò che Dio intendeva quando creò l’uomo a Sua immagine nel Giardino? Cosa significa che Dio ha lavorato per sei giorni e poi si è riposato il settimo? Nella Bibbia, il riposo è più dell’assenza di lavoro. Il riposo dimostra dove riponiamo la nostra fiducia per la fornitura, l’identità, lo scopo e l’importanza. Il riposo è sia un ritmo regolare per i nostri giorni e la nostra settimana, sia una promessa con più pieno adempimento futuro: “Quindi, rimane un riposo sabbatico per il popolo di Dio, poiché chiunque è entrato nel riposo di Dio si è riposato anche dalle sue opere come Dio ha fatto dal suo ”( Ebrei 4: 9-10 ).

Cosa significa riposare nel Signore?
La parola usata per indicare Dio che riposa il settimo giorno in Genesi 2: 2 è Sabbath , la stessa parola che sarà usata in seguito per chiamare Israele a cessare le loro normali attività. Nel racconto della creazione, Dio ha stabilito un ritmo da seguire, sia nel nostro lavoro che nel nostro riposo, per mantenere la nostra efficacia e il nostro scopo come creati a Sua immagine. Dio ha stabilito un ritmo ai giorni della creazione che il popolo ebraico continua a seguire, il che dimostra un contrasto con una prospettiva americana sul lavoro. Come l’opera creativa di Dio è descritta nel racconto della Genesi, il modello per terminare ogni giorno afferma: “E fu sera e fu mattina”. Questo ritmo è invertito rispetto a come percepiamo la nostra giornata.

Dalle nostre radici agricole alla zona industriale e ora alla tecnologia moderna, la giornata inizia all’alba. Iniziamo le nostre giornate al mattino e finiamo le nostre giornate di notte, spendendo energia durante il giorno per collassare quando il lavoro è finito. Qual è quindi l’implicazione di praticare la tua giornata al contrario? In una società agraria, come nel caso della Genesi e in gran parte della storia umana, la sera significava riposare e dormire perché era buio e di notte non si poteva lavorare. L’ordine di creazione di Dio suggerisce di iniziare la nostra giornata nel riposo, riempiendo i nostri secchi in preparazione per versarli nell’opera il giorno successivo. Mettendo la sera al primo posto, Dio stabilì l’importanza di dare la priorità al riposo fisico come prerequisito per un lavoro efficace. Con l’inclusione del sabato, però, Dio ha anche stabilito una priorità nella nostra identità e valore.Genesi 1:28 ).

Ordinare, organizzare, nominare e sottomettere la buona creazione di Dio stabiliscono il ruolo dell’uomo come rappresentante di Dio all’interno della Sua creazione, governando la terra. Il lavoro, sebbene buono, deve essere mantenuto in equilibrio con il riposo in modo che la nostra ricerca della produttività non arrivi a rappresentare la totalità del nostro scopo e identità. Dio non si è riposato il settimo giorno perché i sei giorni della creazione Lo hanno logorato. Dio si è riposato per stabilire un modello da seguire per godere della bontà del nostro essere creato senza la necessità di essere produttivi. Un giorno su sette dedicato al riposo e alla riflessione sul lavoro che abbiamo completato ci impone di riconoscere la nostra dipendenza da Dio per il Suo provvedimento e la libertà dal trovare la nostra identità nel nostro lavoro. Nello stabilire il sabato come quarto comandamento in Esodo 20, Dio sta anche dimostrando un contrasto per gli israeliti rispetto al loro ruolo di schiavi in ​​Egitto in cui il lavoro era imposto come difficoltà per dimostrare il Suo amore e provvidenza come Suo popolo.

Non possiamo fare tutto. Non possiamo portare a termine tutto, anche 24 ore al giorno e sette giorni alla settimana. Dobbiamo rinunciare ai nostri tentativi di guadagnarci un’identità attraverso il nostro lavoro e riposare nell’identità che Dio fornisce come amato da Lui e libero di riposare nella Sua provvidenza e cura. Questo desiderio di autonomia attraverso l’auto-definizione costituisce la base per la Caduta e continua ad affliggere il nostro funzionamento in relazione a Dio e agli altri oggi. La tentazione del serpente a Eva ha esposto la sfida della dipendenza con la considerazione se riposiamo nella saggezza di Dio o se vogliamo essere come Dio e fare la scelta del bene e del male per noi stessi ( Genesi 3: 5 ). Nella scelta di prendere il frutto, Adamo ed Evaabbiamo scelto l’indipendenza piuttosto che la dipendenza da Dio e continuiamo a lottare con questa scelta ogni giorno. La chiamata di Dio al riposo, sia nell’ordine della nostra giornata che nel ritmo della nostra settimana, dipende dal fatto che possiamo fare affidamento su Dio perché si prenda cura di noi mentre smettiamo di lavorare. Questo tema dell’attrazione tra la dipendenza da Dio e l’indipendenza da Dio e il resto che Egli fornisce è un filo conduttore critico del Vangelo in tutta la Scrittura. Il riposo sabbatico richiede il nostro riconoscimento che Dio ha il controllo e noi no e la nostra osservanza del riposo sabbatico diventa un riflesso e una celebrazione di questa disposizione e non solo una cessazione del lavoro.

Questo cambiamento nella comprensione del riposo come dipendenza da Dio e considerazione del Suo provvedimento, amore e cura in contrasto con la nostra ricerca di indipendenza, identità e scopo attraverso il lavoro ha importanti implicazioni fisiche, come abbiamo notato, ma ha conseguenze spirituali fondamentali anche implicazioni. L’errore della Legge è l’idea che attraverso il duro lavoro e lo sforzo personale posso osservare la Legge e guadagnarmi la salvezza, ma come spiega Paolo in Romani 3: 19-20 , non è possibile osservare la Legge. Lo scopo della Legge non era fornire un mezzo di salvezza, ma in modo che “il mondo intero possa essere ritenuto responsabile davanti a Dio. Per le opere della legge nessun essere umano sarà giustificato ai suoi occhi, poiché per mezzo della legge viene la conoscenza del peccato ”( Eb 3: 19-20 ). Le nostre opere non possono salvarci (Efesini 2: 8-9 ). Anche se pensiamo di poter essere liberi e indipendenti da Dio, siamo dipendenti e schiavi del peccato ( Romani 6:16 ). L’indipendenza è un’illusione, ma la dipendenza da Dio si traduce nella vita e nella libertà tramite la giustizia ( Romani 6: 18-19 ). Riposare nel Signore significa riporre la tua fede e la tua identità nel Suo provvedimento, fisicamente ed eternamente ( Efesini 2: 8 ).

Come riposare nel Signore quando il tuo mondo è sottosopra
Riposare nel Signore significa dipendere completamente dalla Sua provvidenza e dal Suo piano anche mentre il mondo vortica intorno a noi in un caos costante. In Marco 4 , i discepoli hanno seguito Gesù e ascoltato mentre insegnava a grandi folle la fede e la dipendenza da Dio usando parabole. Gesù ha usato la parabola del seminatore per spiegare come distrazione, paura, persecuzione, preoccupazione o persino Satana possono interrompere il processo di fede e accettazione del Vangelo nella nostra vita. Da questo momento di istruzione, Gesù va con i discepoli all’applicazione addormentandosi sulla loro barca durante una tempesta terrificante. I discepoli, molti dei quali erano pescatori esperti, furono terrorizzati e svegliarono Gesù dicendo: “Maestro, non ti interessa che stiamo morendo?” ( Marco 4:38). Gesù risponde rimproverando il vento e le onde in modo che il mare si calmi, chiedendo ai discepoli: “Perché avete tanta paura? Non hai ancora fede? ” ( Marco 4:40). È facile sentirsi come i discepoli del Mar di Galilea nel caos e nella tempesta del mondo che ci circonda. Possiamo conoscere le risposte giuste e riconoscere che Gesù è presente con noi nella tempesta, ma temiamo che non gli importi. Partiamo dal presupposto che se Dio si interessasse veramente di noi, impedirebbe le tempeste che sperimentiamo e manterrebbe il mondo calmo e immobile. La chiamata al riposo non è solo una chiamata a confidare in Dio quando è conveniente, ma a riconoscere la nostra completa dipendenza da Lui in ogni momento e che Egli ha sempre il controllo. È durante le tempeste che ci viene ricordata la nostra debolezza e dipendenza e attraverso il Suo provvedimento che Dio dimostra il Suo amore. Riposare nel Signore significa fermare i nostri tentativi di indipendenza, che sono comunque futili, e confidare che Dio ci ama e sa cosa è meglio per noi.

Perché il riposo è importante per i cristiani?
Dio ha stabilito il modello della notte e del giorno e il ritmo del lavoro e del riposo prima della Caduta, creando una struttura di vita e di ordine in cui il lavoro fornisce uno scopo nella pratica ma un significato attraverso la relazione. Dopo la caduta, il nostro bisogno di questa struttura è ancora più grande mentre cerchiamo di trovare il nostro scopo attraverso il nostro lavoro e nella nostra indipendenza da una relazione con Dio. Ma al di là di questo riconoscimento funzionale si trova il disegno eterno in cui desideriamo ardentemente la restaurazione e la redenzione dei nostri corpi “per essere liberati dalla sua schiavitù alla corruzione e ottenere la libertà della gloria dei figli di Dio” ( Romani 8:21). Questi piccoli schemi di riposo (Sabbath) forniscono lo spazio in cui siamo liberi di riflettere sul dono della vita, lo scopo e la salvezza di Dio. Il nostro tentativo di identità attraverso il lavoro non è che un’istantanea del nostro tentativo di identità e salvezza come indipendenti da Dio. Non possiamo guadagnare la nostra salvezza, ma è attraverso la grazia che siamo stati salvati, non da noi stessi, ma come dono di Dio ( Efesini 2: 8-9 ). Riposiamo nella grazia di Dio perché l’opera della nostra salvezza è stata compiuta sulla croce ( Efesini 2: 13-16 ). Quando Gesù disse: “È finito” ( Giovanni 19:30), Ha fornito l’ultima parola sull’opera per la redenzione. Il settimo giorno della creazione ci ricorda una perfetta relazione con Dio, che riposa in un riflesso della Sua opera per noi. La risurrezione di Cristo ha stabilito un nuovo ordine di creazione, spostando l’attenzione dalla fine della creazione con il riposo di sabato alla risurrezione e alla nuova nascita il primo giorno della settimana. Da questa nuova creazione attendiamo il prossimo sabato, il riposo finale in cui la nostra rappresentazione come portatori di immagini di Dio sulla terra viene ripristinata con un nuovo cielo e una nuova terra ( Ebrei 4: 9-11 ; Apocalisse 21: 1-3 ).

La nostra tentazione oggi è la stessa tentazione offerta ad Adamo ed Eva nel Giardino, confideremo nel provvedimento di Dio e si prenderà cura di noi, dipendendo da Lui, o tenteremo di controllare le nostre vite con futile indipendenza, afferrando il significato attraverso il nostro frenesia e fatica? La pratica del riposo può sembrare un lusso intangibile nel nostro mondo caotico, ma la nostra disponibilità a cedere il controllo della struttura del giorno e del ritmo della settimana a un Creatore amorevole dimostra la nostra dipendenza da Dio per tutte le cose, temporali ed eterne. Possiamo riconoscere il nostro bisogno di Gesù per la salvezza eterna, ma fino a quando non rinunciamo anche al controllo della nostra identità e pratica nella nostra pratica temporale, allora non ci riposiamo veramente e riponiamo la nostra fiducia in Lui. Possiamo riposare nel Signore quando il mondo è sottosopra perché ci ama e perché possiamo dipendere da lui. “Non lo sapevi? Non hai sentito? L’Eterno è l’Iddio eterno, il Creatore delle estremità della terra. Non viene meno né si stanca; la sua comprensione è imperscrutabile. Dà potere ai deboli, ea chi non ha potenza accresce la forza “(Isaia 40: 28-29 ).