Crea sito

Come riconciliamo la sovranità di Dio e il libero arbitrio umano?

Sono state scritte innumerevoli parole sulla sovranità di Dio. E probabilmente altrettanto è stato scritto sul libero arbitrio umano. La maggior parte sembra concordare sul fatto che Dio è sovrano, almeno in una certa misura. E la maggior parte sembra concordare sul fatto che gli esseri umani hanno, o almeno sembrano avere, una qualche forma di libero arbitrio. Ma c’è molto dibattito sulla portata della sovranità e del libero arbitrio, nonché sulla compatibilità di queste due cose.

Questo articolo tenterà di articolare la sovranità di Dio e il libero arbitrio umano in un modo che sia sia fedele alla Scrittura che in armonia tra loro.

Cos’è la sovranità?
Il dizionario definisce la sovranità come “potere o autorità suprema”. Un re che governa una nazione sarebbe considerato sovrano di quella nazione, uno che non risponde a nessun’altra persona. Mentre pochi paesi oggi sono governati da sovrani, era comune nei tempi antichi.

Un sovrano è in ultima analisi responsabile della definizione e dell’applicazione delle leggi che regolano la vita all’interno della loro specifica nazione. Le leggi possono essere attuate ai livelli inferiori del governo, ma la legge imposta dal sovrano è suprema e prevale su qualsiasi altra. Anche l’applicazione delle leggi e l’esecuzione della pena saranno probabilmente delegate nella maggior parte dei casi. Ma l’autorità per tale esecuzione spetta al sovrano.

Ripetutamente, la Scrittura identifica Dio come sovrano. In particolare lo trovi in ​​Ezechiele dove viene identificato come “Sovrano Signore” 210 volte. Anche se a volte la Scrittura rappresenta un consiglio celeste, è solo Dio che governa la sua creazione.

Nei libri dall’Esodo al Deuteronomio troviamo il codice di legge dato da Dio a Israele tramite Mosè. Ma la legge morale di Dio è anche scritta nel cuore di tutte le persone ( Romani 2: 14-15 ). Il Deuteronomio, insieme a tutti i profeti, chiarisce che Dio ci ritiene responsabili dell’obbedienza alla sua legge. Allo stesso modo, ci sono delle conseguenze se non ubbidiamo alla sua rivelazione. Anche se Dio ha delegato alcune responsabilità al governo umano ( Romani 13: 1-7 ), è ancora sovrano in ultima analisi.

La sovranità richiede il controllo assoluto?
Una domanda che divide coloro che altrimenti aderiscono alla sovranità di Dio riguarda la quantità di controllo che richiede. È possibile che Dio sia sovrano se le persone sono in grado di agire in modi contrari alla sua volontà?

Da un lato ci sono quelli che negherebbero questa possibilità. Direbbero che la sovranità di Dio è in qualche modo diminuita se non ha il controllo totale di tutto ciò che accade. Tutto deve avvenire nel modo in cui ha pianificato.

D’altronde sono quelli che capirebbero che Dio, nella sua sovranità, ha concesso una certa autonomia all’umanità. Questo “libero arbitrio” consente all’umanità di agire in modi contrari a come Dio potrebbe desiderare che agissero. Non è che Dio sia incapace di fermarli. Piuttosto ci ha concesso il permesso di agire come noi. Tuttavia, anche se potessimo agire contrariamente alla volontà di Dio, il suo scopo nella creazione sarà realizzato. Non c’è niente che possiamo fare per ostacolare il suo scopo.

Quale vista è corretta? In tutta la Bibbia troviamo persone che hanno agito in modo contrario all’istruzione che Dio aveva dato loro. La Bibbia arriva persino a sostenere che non c’è nessuno, a parte Gesù, che è buono, che fa ciò che Dio vuole ( Romani 3: 10-20 ). La Bibbia descrive un mondo che è in ribellione contro il loro creatore. Ciò sembra in contrasto con un Dio che ha il controllo totale di tutto ciò che accade. A meno che quelli che si ribellano contro di lui non lo facciano perché è la volontà di Dio per loro.

Considera la sovranità che ci è più familiare: la sovranità di un re terreno. Questo sovrano ha la responsabilità di stabilire e far rispettare le regole del regno. Il fatto che a volte le persone violino le sue regole stabilite in modo sovrano non lo rende meno sovrano. Né i suoi sudditi possono infrangere quelle regole impunemente. Ci sono conseguenze se si agisce in modi contrari ai desideri del sovrano.

Tre punti di vista del libero arbitrio umano
Il libero arbitrio implica la capacità di fare scelte entro alcuni vincoli. Ad esempio, posso scegliere, tra una serie limitata di opzioni, cosa mangerò per cena. E posso scegliere se obbedirò al limite di velocità. Ma non posso scegliere di agire contrariamente alle leggi fisiche della natura. Non ho scelta se la gravità mi trascinerà a terra quando salterò da una finestra. Né posso scegliere di far spuntare le ali e volare.

Un gruppo di persone negherà che in realtà abbiamo il libero arbitrio. Quel libero arbitrio è solo un’illusione. Questa posizione è determinismo , che ogni istante della mia storia è controllato dalle leggi che governano l’universo, la mia genetica e il mio ambiente. Il determinismo divino identificherebbe Dio come colui che determina ogni mia scelta e azione.

Una seconda visione sostiene che il libero arbitrio esiste, in un certo senso. Questo punto di vista sostiene che Dio opera nelle circostanze della mia vita per assicurarmi di fare liberamente le scelte che Dio vuole che io faccia. Questo punto di vista è spesso etichettato come compatibilismo perché è compatibile con una visione rigorosa della sovranità. Eppure sembra davvero essere poco diverso dal determinismo divino poiché alla fine le persone fanno sempre le scelte che Dio vuole da loro.

Il terzo punto di vista è generalmente chiamato libero arbitrio libertario . Questa posizione è talvolta definita come la capacità di aver scelto qualcosa di diverso da ciò che alla fine hai fatto. Questo punto di vista viene spesso criticato in quanto incompatibile con la sovranità di Dio perché consente a una persona di agire in modi contrari alla volontà di Dio.

Come sottolineato sopra, tuttavia, la Scrittura rende chiaro che gli esseri umani sono peccatori, agendo in modi contrari alla volontà rivelata di Dio. È difficile leggere l’Antico Testamento senza vederlo ripetutamente. Almeno dalla Scrittura sembra che gli esseri umani abbiano il libero arbitrio libertario.

Due punti di vista sulla sovranità e sul libero arbitrio
Ci sono due modi in cui la sovranità di Dio e il libero arbitrio umano possono essere riconciliati. Il primo sostiene che Dio ha il controllo completo. Che non succede nulla a parte la sua direzione. In questo punto di vista il libero arbitrio è un’illusione o ciò che viene identificato come libero arbitrio compatibilista – un libero arbitrio in cui facciamo liberamente le scelte che Dio ha disposto per noi.

Il secondo modo in cui si riconciliano è vedere la sovranità di Dio includendo un elemento permissivo. Nella sovranità di Dio, ci permette di fare scelte libere (almeno entro certi limiti). Questa visione della sovranità è compatibile con il libero arbitrio libertario.

Quindi, quale di questi due è corretto? Mi sembra che una trama principale della Bibbia sia la ribellione dell’umanità contro Dio e il suo lavoro per portarci la redenzione. In nessun luogo Dio è raffigurato come meno che sovrano.

Ma in tutto il mondo, l’umanità è raffigurata come contraria alla volontà rivelata di Dio. Più volte siamo chiamati ad agire in un certo modo. Eppure in generale scegliamo di seguire la nostra strada. Trovo difficile conciliare l’immagine biblica dell’umanità con qualsiasi forma di determinismo divino. Fare ciò sembrerebbe rendere Dio in ultima analisi responsabile della nostra disobbedienza alla sua volontà rivelata. Richiederebbe una volontà segreta di Dio che è in contrasto con la sua volontà rivelata.

Conciliare sovranità e libero arbitrio
Non è possibile per noi comprendere appieno la sovranità del Dio infinito. È troppo in alto sopra di noi per qualcosa di simile alla completa comprensione. Eppure siamo fatti a sua immagine, portando la sua somiglianza. Quindi, quando cerchiamo di comprendere l’amore, la bontà, la rettitudine, la misericordia e la sovranità di Dio, la nostra comprensione umana di quei concetti dovrebbe essere una guida affidabile, anche se limitata.

Quindi, mentre la sovranità umana è più limitata della sovranità di Dio, credo che possiamo usare l’una per capire l’altra. In altre parole, ciò che sappiamo della sovranità umana è la migliore guida che abbiamo per comprendere la sovranità di Dio.

Ricorda che un sovrano umano è responsabile della creazione e dell’applicazione delle regole che governano il suo regno. Questo è altrettanto vero per Dio. Nella creazione di Dio, fa le regole. E fa rispettare e giudica ogni violazione di quelle leggi.

Sotto un sovrano umano, i sudditi sono liberi di seguire o disobbedire alle regole imposte dal sovrano. Ma disobbedire alle leggi ha un costo. Con un sovrano umano è possibile che tu possa infrangere una legge senza essere scoperto e pagare la pena. Ma questo non sarebbe vero con un sovrano che è onnisciente e giusto. Ogni violazione sarebbe conosciuta e punita.

Il fatto che i sudditi siano liberi di violare le leggi del re non diminuisce la sua sovranità. Allo stesso modo, il fatto che noi come esseri umani siamo liberi di violare le leggi di Dio non diminuisce la sua sovranità. Con un sovrano umano finito, la mia disobbedienza potrebbe far deragliare qualche piano del sovrano. Ma questo non sarebbe vero per un sovrano onnisciente e onnipotente. Avrebbe conosciuto la mia disobbedienza prima che si verificasse e avrebbe pianificato intorno ad essa per poter adempiere il suo scopo nonostante me.

E questo sembra essere il modello descritto nelle Scritture. Dio è sovrano ed è la fonte del nostro codice morale. E noi, come suoi sudditi, seguiamo o disobbediamo. Per l’obbedienza c’è una ricompensa. Per la disobbedienza c’è la punizione. Ma la sua disponibilità a permetterci di disobbedire non diminuisce la sua sovranità.

Mentre ci sono alcuni passaggi individuali che sembrerebbero supportare un approccio deterministico al libero arbitrio, la Scrittura nel suo insieme insegna che, mentre Dio è sovrano, gli esseri umani hanno un libero arbitrio che ci permette di scegliere di agire in modi contrari a La volontà di Dio per noi.