Crea sito

Come aiutare un cristiano intrappolato nel peccato

Pastore anziano, Sovereign Grace Church dell’Indiana, Pennsylvania
Fratelli, se qualcuno è coinvolto in una trasgressione, voi che siete spirituali dovreste ristabilirlo con uno spirito di gentilezza. Veglia su te stesso, per non essere tentato anche tu. Galati 6: 1

Sei mai stato preso in un peccato? La parola tradotta “preso” in Galati 6: 1 significa “superato”. Ha il significato di diventare irretito. Sopraffatto. Preso in una trappola.

Non solo i non credenti, ma i credenti possono essere inciampati dal peccato. Intrappolato. Incapace di scoppiare facilmente.

Come dovremmo reagire?

Come dovremmo trattare qualcuno che è sopraffatto da un peccato? E se qualcuno viene da te e ti confessa di essere intrappolato nella pornografia? O stanno cedendo alla rabbia o mangiando troppo. Come dovremmo reagire a loro?

Sfortunatamente, i credenti non reagiscono sempre con molta gentilezza. Quando un adolescente confessa un peccato, i genitori dicono cose come: “Come hai potuto fare una cosa del genere?” o “Cosa stavi pensando?” Purtroppo, ci sono state volte in cui i miei figli mi hanno confessato il peccato in cui ho espresso la mia delusione abbassando la testa o mostrando uno sguardo addolorato.

La parola di Dio dice che se qualcuno è intrappolato in QUALSIASI trasgressione dovremmo ristabilirlo con gentilezza. QUALSIASI trasgressione: i credenti a volte cadono duramente. I credenti restano intrappolati in cose cattive. Il peccato è ingannevole e molto spesso i credenti cadono preda dei suoi inganni. Anche se è deludente e triste ea volte scioccante quando un compagno di fede confessa di essere caduto in un peccato grave, dobbiamo stare attenti nel modo in cui reagiamo a loro.

Il nostro obiettivo: restituirli a Cristo

Il nostro primo obiettivo dovrebbe essere quello di RESTAURARLI a Cristo: “voi che siete spirituali, dovreste restaurarlo”. Dovremmo indicarli al perdono e alla misericordia di Gesù. Per ricordare loro che ha pagato per ognuno dei nostri peccati sulla croce. Per assicurarli che Gesù è un sommo sacerdote comprensivo e misericordioso che attende sul suo trono di grazia per mostrare loro misericordia e dare loro aiuto nel momento del bisogno.

Anche se sono impenitenti, il nostro obiettivo dovrebbe essere quello di salvarli e riportarli a Cristo. La disciplina della chiesa descritta in Matteo 18 non è una punizione, ma un’operazione di salvataggio che cerca di riportare le pecore smarrite al Signore.

Gentilezza, non esasperazione

E mentre cerchiamo di restaurare qualcuno, dovremmo farlo “in uno spirito di gentilezza”, non esasperazione – “Non posso credere che tu l’abbia fatto di nuovo!” Non c’è posto per rabbia o disgusto. Il peccato ha conseguenze dolorose e spesso i peccatori soffrono. Le persone ferite devono essere gestite con gentilezza.

Ciò non significa che non possiamo apportare correzioni, soprattutto se non ascoltano o non si pentono. Ma dovremmo sempre trattare gli altri come vorremmo essere trattati.

E uno dei più grandi motivi per la gentilezza è quello di “vegliare su te stesso, per non essere tentato anche tu”. Non dovremmo mai giudicare qualcuno colto in un peccato, perché la prossima volta potremmo essere noi. Potremmo essere tentati e cadere nello stesso peccato, o in uno diverso, e trovarci a dover essere restaurati. Non pensare mai: “Come ha potuto questa persona fare questo?” o “Non lo farei mai!” È sempre meglio pensare: “Anch’io sono un peccatore. Potrei cadere anch’io. La prossima volta i nostri ruoli potrebbero essere invertiti “.

Non ho sempre fatto bene queste cose. Non sono sempre stato gentile. Sono stato arrogante nel mio cuore. Ma voglio essere più come Gesù che non ha aspettato che noi facessimo le nostre azioni insieme prima di avere compassione di noi. E voglio temere Dio, sapendo che posso essere tentato e cadere proprio come chiunque altro.