Crea sito

Come aiutare gli altri attraverso una crisi di fede

A volte, il modo migliore per consigliare i dubbiosi è parlare da un luogo di esperienza.

Quando Lisa Marie, ormai quarantenne, era un’adolescente, iniziò a provare dubbi su Dio. Cresciuta in una fedele famiglia cattolica in chiesa e frequentando un liceo cattolico, Lisa Marie ha trovato questi dubbi inquietanti. “Non ero sicuro che tutto ciò che stavo imparando su Dio fosse reale”, spiega. “Così ho chiesto a Dio di darmi la fede delle dimensioni di un seme di senape. Ho praticamente pregato che Dio mi desse la fede che non avevo. “

Il risultato, afferma Lisa Marie, è stata una profonda esperienza di conversione. Cominciò a sentire la presenza di Dio come non aveva mai fatto prima. La sua vita di preghiera ha assunto un nuovo significato e si è concentrata. Ora sposata e madre di Josh, 13 anni, e di Eliana, 7 anni, Lisa Marie si appoggia alla propria esperienza personale sentendosi dubbiosa quando parla agli altri di questioni di fede. “Mi sento così appassionatamente che tutto ciò che devi fare se vuoi la fede è chiederlo – sii aperto ad esso. Dio farà il resto “, dice.

Molti di noi potrebbero sentirsi non qualificati per consigliare qualcuno sulla loro fede. È un argomento facile da evitare: chi ha dei dubbi potrebbe non voler ammettere le proprie domande. Le persone con una forte fede possono avere paura di diventare spiritualmente arroganti quando parlano con qualcuno che sta lottando.

Maureen, madre di cinque figli, ha scoperto che il modo migliore per consigliare i dubbiosi è parlare da un luogo di esperienza. Quando la piccola impresa precedentemente redditizia della migliore amica di Maureen stava affrontando il fallimento, la sua amica si sentì sopraffatta dal processo di deposito e dal tributo che stava subendo per il suo matrimonio.

“La mia amica mi ha chiamato in lacrime e ha detto che sentiva che Dio l’aveva abbandonata, che non riusciva affatto a sentire la sua presenza. Anche se la bancarotta non è stata colpa della mia amica, si vergognava così tanto ”, dice Maureen. Maureen fece un respiro profondo e iniziò a parlare con la sua amica. “Ho cercato di rassicurarla sul fatto che è normale avere” incantesimi secchi “nelle nostre vite di fede in cui perdiamo di vista Dio e facciamo affidamento sui nostri dispositivi piuttosto che fidarci di lui in tutte le cose”, dice. “Credo che Dio ci permetta questi tempi perché, mentre lavoriamo attraverso di loro, preghiamo attraverso di loro, la nostra fede si rafforza dall’altra parte”.

A volte consigliare gli amici con dubbi può essere più facile che parlare con i nostri figli delle loro domande di fede. I bambini possono avere paura di deludere i genitori e nascondere i loro dubbi, anche se frequentano la chiesa con la famiglia o partecipano a lezioni di educazione religiosa.

Il pericolo qui è che i bambini possano abituarsi a collegare la religione con l’esperienza di fingere credenze. Invece di rischiare di immergersi in profondità e porre domande ai genitori sulla fede, questi bambini scelgono di andare alla deriva sulla superficie della religione organizzata e spesso si allontanano dalla chiesa una volta che sono giovani adulti.

“Quando mio figlio maggiore aveva 14 anni, non aspettavo che esprimesse dubbi. Ho pensato che avesse dei dubbi, perché chi di noi non lo ha fatto? ”Dice Francis, padre di quattro figli. “Ho adottato un approccio colloquiale in cui gli ho chiesto in cosa credeva, in cosa non credeva e in cosa voleva credere ma di cui non era sicuro. L’ho ascoltato davvero e ho cercato di renderlo sicuro per esprimere i suoi dubbi. Ho condiviso la mia esperienza di entrambi i momenti di dubbio e di fede davvero forte. “

Francis ha detto che suo figlio ha apprezzato l’udire delle lotte di Francis con la fede. Francis ha detto che non ha cercato di dire a suo figlio perché avrebbe dovuto credere a qualcosa, ma invece lo ha ringraziato per essere aperto sulle sue domande.

Disse che si concentrava anche sulla fede stessa, piuttosto che su ciò che suo figlio faceva o non gli piaceva dell’esperienza di andare a messa. la fede si è sviluppata, era più aperto all’ascolto, perché gli avevo parlato anche di volte in cui mi sentivo davvero confuso e lontano dalla fede.