Crea sito

Chi sono io per giudicare? Papa Francesco spiega il suo punto di vista

La famosa battuta di Papa Francesco “Chi sono io per giudicare?” potrebbe fare molto per spiegare il suo atteggiamento iniziale nei confronti di Theodore McCarrick, il cardinale americano caduto in disgrazia che è stato oggetto di un’indagine vaticana di due anni rilasciata la scorsa settimana.

Francesco pronunciò la linea il 29 luglio 2013, quattro mesi dopo il suo pontificato, quando gli fu chiesto di tornare a casa dal suo primo viaggio papale sulle notizie di un prete gay sessualmente attivo che aveva appena promosso. Il suo punto: se qualcuno ha violato l’insegnamento della chiesa sulla morale sessuale in passato ma aveva chiesto perdono a Dio, chi era lui per emettere un giudizio?

Il commento ha ottenuto il plauso della comunità LGBT e ha portato Francis sulla copertina della rivista The Advocate . Ma la tendenza più ampia di Francis a fidarsi ciecamente dei suoi amici e resistere a giudicarli ha creato problemi sette anni dopo. Un manipolo di preti, vescovi e cardinali di cui Francesco si è fidato nel corso degli anni si sono rivelati o accusati di cattiva condotta sessuale o condannati, o di averlo insabbiato.

In breve, la lealtà di Francis nei loro confronti gli è costata credibilità.

Il rapporto del Vaticano ha risparmiato a Francesco la colpa per l’ascesa di McCarrick nella gerarchia, incolpando invece i suoi predecessori per non aver riconosciuto, indagato o sanzionato efficacemente McCarrick per i rapporti coerenti che ha invitato i seminaristi nel suo letto.

Alla fine, lo scorso anno, Francesco ha scoraggiato McCarrick dopo che un’indagine del Vaticano ha stabilito che abusava sessualmente di bambini e adulti. Francesco ha commissionato l’indagine più approfondita dopo che un ex ambasciatore vaticano ha affermato nel 2018 che circa due dozzine di funzionari della chiesa erano a conoscenza della cattiva condotta sessuale di McCarrick con i seminaristi adulti ma l’hanno coperta per due decenni.

Forse non sorprende che un’indagine interna commissionata da Francis e da lui ordinata la pubblicazione gli darebbe in gran parte un passaggio. Ma è anche vero che i fallimenti più eclatanti legati allo scandalo McCarrick si sono verificati ben prima che Francesco diventasse papa.

Ma il rapporto indica i problemi che sono venuti a perseguitare Francesco durante il suo papato, esacerbando il suo punto cieco iniziale sugli abusi sessuali del clero che ha corretto solo nel 2018 dopo aver realizzato di aver fallito un grave caso di abuso e insabbiamento in Cile.

Oltre ai prelati da lui inizialmente difesi che sono stati accusati di cattiva condotta sessuale o di insabbiamento, Francesco è stato tradito anche da laici cattolici: alcuni uomini d’affari italiani che erano “amici di Francesco” e hanno sfruttato quella designazione sono ora coinvolti in una spirale vertiginosa Indagine sulla corruzione in Vaticano che coinvolge l’investimento di 350 milioni di dollari della Santa Sede in un’impresa immobiliare londinese.

Come molti leader, Francis detesta i pettegolezzi, diffida dei media e tende a seguire il suo istinto, trovando estremamente difficile cambiare marcia una volta che si è formato un’opinione personale positiva su qualcuno, dicono i suoi collaboratori.

Francesco conosceva McCarrick da prima che diventasse papa e probabilmente sapeva che il carismatico e ben collegato prelato aveva avuto una mano nella sua elezione come uno dei tanti “kingmakers” che lo hanno sostenuto da bordo campo. (Lo stesso McCarrick non ha votato poiché aveva più di 80 anni e non era idoneo).

McCarrick ha detto in una conferenza alla Villanova University alla fine del 2013 che considerava l’ex cardinale Jorge Mario Bergoglio un “amico” e aveva fatto pressioni per un papa latinoamericano durante le riunioni a porte chiuse che hanno preceduto il conclave.

McCarrick ha visitato due volte Bergoglio in Argentina, nel 2004 e nel 2011, quando si è recato lì per ordinare sacerdoti della comunità religiosa argentina, l’Istituto del Verbo Incarnato, che ha chiamato a casa a Washington.

McCarrick ha detto alla conferenza di Villanova di essere stato persuaso a spargere la voce per considerare Bergoglio un possibile candidato papale dopo che un romano “influente” non identificato gli aveva detto che Bergoglio avrebbe potuto riformare la chiesa in cinque anni e “rimetterci sul bersaglio”.

“Parla con lui”, ha detto McCarrick citando l’uomo romano.

Il rapporto ha sfatato la tesi centrale dell’arcivescovo Carlo Maria Vigano, l’ex ambasciatore vaticano negli Stati Uniti, la cui denuncia nel 2018 della copertura ventennale di McCarrick ha innescato in primo luogo il rapporto vaticano.

Viganò ha affermato che Francesco aveva revocato le “sanzioni” imposte da Papa Benedetto XVI a McCarrick anche dopo che Vigano aveva detto a Francesco nel 2013 che l’americano aveva “corrotto generazioni di sacerdoti e seminaristi”.

Il rapporto diceva che tale revoca non si era verificata e in realtà accusava Vigano di essere parte dell’insabbiamento. Ha anche suggerito che nel 2013, Viganò era molto più preoccupato di persuadere Francesco a riportarlo a Roma dal suo esilio a Washington per aiutare con lo sforzo anti-corruzione di Francesco in Vaticano che a portare McCarrick alla giustizia.

Come arcivescovo di Buenos Aires, si ritiene che Francesco abbia scontato le voci di abusi sessuali e insabbiamenti nel vicino Cile intorno al popolare sacerdote Fernando Karadima, perché la maggior parte degli accusatori aveva più di 17 anni, e quindi tecnicamente adulti nel sistema di diritto canonico della chiesa. . In quanto tali, erano considerati adulti consenzienti impegnati in comportamenti peccaminosi ma non illegali con Karadima.

Mentre era a capo della conferenza episcopale argentina, nel 2010 Francesco ha commissionato uno studio forense in quattro volumi sul caso legale contro il reverendo Julio Grassi, un sacerdote famoso che gestiva case per bambini di strada ed era stato condannato penalmente per aver abusato sessualmente di uno di loro.

Lo studio di Bergoglio, che presumibilmente è finito sulla scrivania di alcuni giudici della corte argentina che si pronunciavano sui ricorsi di Grassi, ha concluso che era innocente, che le sue vittime mentivano e che il caso non sarebbe mai dovuto andare in giudizio.

Alla fine, la Corte Suprema dell’Argentina nel marzo 2017 ha confermato la condanna e la pena detentiva di 15 anni per Grassi. Lo stato delle indagini canoniche di Grassi a Roma è sconosciuto.

Più recentemente, Bergoglio ha permesso a uno dei suoi protetti in Argentina, il vescovo Gustavo Zanchetta, di dimettersi tranquillamente per presunti motivi di salute nel 2017 dopo che i sacerdoti nella remota diocesi argentina settentrionale di Orano si sono lamentati del suo governo autoritario e funzionari diocesani hanno fornito segnalazioni al Vaticano per presunti abusi di potere, comportamento inappropriato e molestie sessuali di seminaristi adulti.

Francesco ha dato a Zanchetta un lavoro di prugna nell’ufficio del tesoro del Vaticano.

Nei casi di Grassi e Zanchetta, Bergoglio era un confessore per entrambi gli uomini, suggerendo che potrebbe essere stato influenzato nel suo giudizio dal suo ruolo di padre spirituale. Nel caso di Karadima, Francesco era un buon amico del principale protettore di Karadima, l’arcivescovo di Santiago, il cardinale Francisco Javier Errazuriz.

Il commento di Francesco del 2013, “Chi sono io per giudicare?” non riguardava un sacerdote accusato di cattiva condotta sessuale con minorenni. Piuttosto, si presumeva che il prete avesse in primo luogo disposto che un capitano dell’esercito svizzero si trasferisse con lui dalla sua carica diplomatica a Berna, in Svizzera, in Uruguay.

Alla domanda sul prete in viaggio verso casa da Rio de Janeiro nel luglio 2013, Francis ha detto di aver commissionato un’indagine preliminare sulle accuse che non hanno trovato nulla. Ha notato che molte volte nella chiesa, tali “peccati della giovinezza” affiorano quando i sacerdoti avanzano di grado.

“I crimini sono qualcosa di diverso: l’abuso sui minori è un crimine”, ha detto. “Ma se una persona, che sia un laico, un sacerdote o una religiosa, commette un peccato e poi si converte, il Signore perdona. E quando il Signore perdona, il Signore dimentica e questo è molto importante per la nostra vita “.

Riferendosi ai rapporti secondo cui una rete omosessuale in Vaticano proteggeva il sacerdote, Francesco ha detto di non aver mai sentito parlare di una cosa del genere. Ma ha aggiunto: “Se qualcuno è gay e sta cercando il Signore e ha buona volontà, allora chi sono io per giudicare?