Crea sito

Che cos’è esattamente l’adorazione?

L’adorazione può essere definita come “la riverenza o l’adorazione che si mostra verso qualcosa o qualcuno; tenere una persona o un oggetto in grande stima; o dare una persona o un oggetto un posto di importanza o onore. ” Ci sono centinaia di scritture nella Bibbia che parlano di adorazione e forniscono indicazioni sia su chi sia su come adorare.

È un mandato biblico che adoriamo Dio e Lui solo. È un atto progettato non solo per rendere onore a Colui che merita onore, ma anche per portare uno spirito di obbedienza e sottomissione agli adoratori.

Ma perché adoriamo, cos’è esattamente adorazione e come adoriamo giorno per giorno? Poiché questo argomento è importante per Dio ed è il motivo per cui siamo stati creati, la Scrittura ci fornisce una grande quantità di informazioni sull’argomento.

Cos’è l’adorazione?
La parola adorazione deriva dalla parola inglese antico ” weorþscipe ” o “worth-ship ” che significa “dare valore a” . ” In un contesto secolare, la parola può significare” tenere qualcosa in grande stima “. In un contesto biblico, la parola ebraica per adorazione è shachah , che significa deprimere, cadere o prostrarsi davanti a una divinità . È sostenere qualcosa con tale rispetto , onore e stima che il tuo unico desiderio è inchinarti davanti ad essa. Dio richiede specificamente che il fulcro di questo tipo di adorazione sia rivolto a Lui e solo a Lui.

Nel suo contesto più antico, l’adorazione dell’uomo a Dio comportava un atto di sacrificio: il massacro di un animale e lo spargimento di sangue per ottenere l’espiazione del peccato. Era lo sguardo al tempo in cui il Messia sarebbe venuto e sarebbe diventato l’ultimo sacrificio, dando l’ultima forma di adorazione in obbedienza a Dio e amore per noi attraverso il dono di se stesso nella sua morte.

Ma Paolo riformula il sacrificio come adorazione in Romani 12: 1 , “Perciò, fratelli, per la misericordia di Dio, vi esorto a presentare i vostri corpi come un sacrificio vivente, santo e gradito a Dio; questa è la tua adorazione spirituale “. Non siamo più schiavi della legge, con l’onere di portare sangue animale per espiare i peccati e come nostra forma di adorazione. Gesù ha già pagato il prezzo della morte e ha fatto un sacrificio di sangue per i nostri peccati. La nostra forma di adorazione, dopo la risurrezione , consiste nel portare noi stessi, le nostre vite, come sacrificio vivente a Dio. Questo è santo e Gli piace.

In My Estmost for His Highest Oswald Chambers ha detto: “L’adorazione è dare a Dio il meglio che ti ha dato”. Non possediamo nulla di valore da presentare a Dio nell’adorazione, tranne noi stessi. È il nostro ultimo sacrificio, restituire a Dio la stessa vita che ci ha dato. È il nostro scopo e il motivo per cui siamo stati creati. 1 Pietro 2: 9 dice che siamo un “popolo eletto, un sacerdozio regale, una nazione santa, un possesso speciale di Dio, affinché tu possa dichiarare le lodi di Colui che ti ha chiamato dalle tenebre alla Sua luce meravigliosa”. È la ragione per cui esistiamo, per portare adorazione a Colui che ci ha creati.

4 Comandi biblici sull’adorazione
La Bibbia parla dell’adorazione dalla Genesi all’Apocalisse. La Bibbia nella sua interezza è coerente e chiara riguardo al piano di Dio per l’adorazione e delinea chiaramente un comando, un obiettivo, una ragione e un modo per adorare. La Scrittura è esplicita nella nostra adorazione nei seguenti modi:

1. Comandato all’adorazione
Il nostro comando è di adorare perché Dio ha creato l’uomo per quello scopo. Isaia 43: 7 ci dice che siamo stati creati per adorarlo: “chiunque è chiamato con il mio nome, che ho creato per la mia gloria, che ho formato e fatto”.

L’autore del Salmo 95: 6 ci dice: “Vieni, inchiniamoci in adorazione, inginocchiamoci davanti al Signore nostro Creatore”. È un comando, qualcosa che ci si deve aspettare dalla creazione al Creatore. E se non lo facciamo? Luca 19:40 ci dice che le pietre grideranno in adorazione a Dio. La nostra adorazione è proprio così importante per Dio.

2. Punto focale dell’adorazione
Il fulcro della nostra adorazione è senza dubbio rivolto a Dio e solo a Lui. In Luca 4: 8 Gesù rispose: “È scritto: ‘Adora il Signore Dio tuo e servi solo Lui”. Anche durante il periodo del sacrificio animale, pre- risurrezione , al popolo di Dio fu ricordato chi Egli era, i potenti miracoli che aveva compiuto in loro favore e il mandato di una forma monoteistica di adorazione attraverso il sacrificio.

2 Re 17:36 dice che “il Signore, che ti ha fatto salire dall’Egitto con potente potenza e braccio teso, è colui che devi adorare. A Lui ti inchinerai e a Lui offrirai sacrifici “. Non c’è altra opzione che adorare Dio.

3. Il motivo per cui adoriamo
Il motivo per cui adoriamo? Perché Lui solo è degno. Chi o cos’altro è più degno della divinità che ha creato tutto il cielo e la terra? Tiene il tempo in mano e veglia sovrano su tutta la creazione. Apocalisse 4:11 ci dice che: “Tu sei degno, nostro Signore e Dio, di ricevere gloria, onore e potere, perché hai creato tutte le cose, e per la tua volontà sono stati creati e hanno il loro essere”.

I profeti dell’Antico Testamento hanno anche proclamato la dignità di Dio a coloro che Lo hanno seguito. Dopo aver ricevuto un bambino nella sua sterilità, Anna in 1 Samuele 2: 2 , dichiarò al Signore attraverso la sua preghiera di ringraziamento: “Non c’è nessuno santo come il Signore; non c’è nessuno oltre a te; non c’è roccia come il nostro Dio “.

4. Come adoriamo
Dopo la risurrezione, la Bibbia non è specifica nel descrivere i passi che dovremmo usare per adorarlo, con un’eccezione. Giovanni 4:23 ci dice che “l’ora sta arrivando, e ora è, quando i veri adoratori adoreranno il Padre in spirito e verità, perché il Padre sta cercando tali per adorarlo”.

Dio è uno spirito e 1 Corinzi 6: 19-20 ci dice che siamo pieni del Suo spirito: “Non sai che i tuoi corpi sono templi dello Spirito Santo, chi è in te, che hai ricevuto da Dio? Non sei tuo; sei stato comprato a un prezzo. Quindi onora Dio con i tuoi corpi “.

Ci viene anche comandato di portarGli un culto basato sulla verità. Dio vede il nostro cuore e la riverenza che cerca è quella che proviene da un cuore puro, reso santo per essere stato perdonato, con un motivo corretto e con uno scopo: onorarlo.

L’adorazione sta solo cantando?
I nostri servizi ecclesiastici moderni in genere tengono periodi sia per la lode che per il culto. Infatti la Bibbia attribuisce una grande importanza all’espressione musicale della nostra fede , amore e adorazione per Dio. Salmo 105: 2 ci dice di “cantare a lui, cantare lodi a lui; racconta tutti i suoi atti meravigliosi ”e Dio adora la nostra lode attraverso il canto e la musica. In genere il tempo di lode di un servizio in chiesa è di solito la parte più vivace e vivace del servizio inno con il tempo di adorazione che è il tempo di riflessione più cupo e tranquillo. E c’è una ragione.

La differenza tra lode e adorazione sta nel suo obiettivo. Lodare è ringraziare Dio per le cose che ha fatto per noi. È una dimostrazione esteriore di ringraziamento per una dimostrazione attiva di Dio. Lodiamo Dio attraverso la musica e il canto per “tutti i suoi atti meravigliosi” che ha fatto per noi.

Ma l’adorazione, d’altra parte, è un tempo per riverire, adorare, onorare e rendere omaggio a Dio, non per quello che ha fatto ma per quello che è. Egli è Geova, il grande Io Sono ( Esodo 3:14 ); È El Shaddai, l’Onnipotente ( Genesi 17: 1 ); È l’Eccelso, che è trascendente molto al di sopra dell’universo ( Salmo 113: 4-5 ); È l’Alfa e l’Omega, l’inizio e la fine ( Apocalisse 1: 8 ). Lui è l’unico Dio, e oltre a Lui non c’è nessun altro ( Isaia 45: 5 ). È degno della nostra adorazione, della nostra riverenza e della nostra adorazione.

Ma l’atto di adorazione è molto più che cantare. La Bibbia descrive diversi approcci all’adorazione. Il Salmista ci dice nel Salmo 95: 6 di inchinarci e inginocchiarci davanti al Signore; Giobbe 1: 20-21 descrive Giobbe che adorava strappandosi la veste, radendosi la testa e cadendo prostrato a terra. A volte dobbiamo portare un’offerta come metodo per adorare come in 1 Cronache 16:29 . Adoriamo Dio anche attraverso la preghiera usando la nostra voce, la nostra quiete, i nostri pensieri, le nostre motivazioni e il nostro spirito.

Anche se la Scrittura non descrive metodi specifici che ci è stato comandato di usare nella nostra adorazione, ci sono motivi e atteggiamenti errati per adorare. È un atto del cuore e un riflesso dello stato del nostro cuore. Giovanni 4:24 ci dice che “dobbiamo adorare in spirito e verità”. Dobbiamo venire a Dio, santi e accetti con un cuore puro e libero da motivi impuri, che è la nostra “adorazione spirituale” ( Romani 12: 1 ). Dobbiamo venire a Dio, con vero rispetto e senza orgoglio perché solo Lui è degno ( Salmo 96: 9 ). Veniamo con riverenza e con soggezione. Questa è la nostra adorabile adorazione, come viene detto in Ebrei 12:28: “Pertanto, poiché stiamo ricevendo un regno che non può essere scosso, siamo grati, e adoriamo così Dio in modo accettabile con riverenza e timore.”

Perché la Bibbia mette in guardia contro l’adorazione delle cose sbagliate?
La Bibbia contiene diversi avvertimenti diretti riguardo al fulcro della nostra adorazione. Nel libro dell’Esodo , Mosè fornì ai figli d’Israele il primo comandamento e tratta di chi dovrebbe essere il destinatario della nostra adorazione. Esodo 34:14 ci dice che ” non dobbiamo adorare nessun altro dio, perché il Signore, il cui nome è Geloso, è un Dio geloso”.

La definizione di un idolo è “tutto ciò che è molto ammirato, amato o venerato”. Un idolo può essere un essere vivente o può essere un oggetto. Nel nostro mondo moderno può presentarsi come un hobby, un’attività, denaro o persino avere una visione narcisistica di noi stessi, mettendo i nostri desideri e bisogni davanti a Dio.

Nel capitolo 4 di Osea, il profeta descrive l’adorazione degli idoli come adulterio spirituale a Dio. L’infedeltà di adorare qualcosa di diverso da Dio provocherà rabbia e punizione divina.

In Levitico 26: 1 , il Signore comanda ai figliuoli d’Israele: “Non vi fate idoli né erigete un’immagine o una pietra sacra, e non mettete pietra scolpita nel vostro paese per inchinarvi dinanzi ad essa. Io sono il Signore tuo Dio “. Anche nel Nuovo Testamento, 1 Corinzi 10:22 parla di non suscitare la gelosia di Dio adorando idoli e coinvolgendovi nell’adorazione pagana.

Anche se Dio non è specifico sul metodo della nostra adorazione e ci dà la libertà di cui abbiamo bisogno per esprimere la nostra adorazione, è molto diretto riguardo a chi non dobbiamo adorare.

Come possiamo adorare Dio durante la nostra settimana?
L’adorazione non è un atto una tantum che deve essere compiuto in un determinato luogo religioso in un giorno religioso designato. È una questione di cuore. E ‘uno stile di vita. Charles Spurgeon lo disse meglio quando disse: “Tutti i luoghi sono luoghi di culto per un cristiano. Ovunque sia, dovrebbe essere in uno stato d’animo adorante “.

Adoriamo Dio tutto il giorno per quello che è, ricordando la Sua santità onnipotente e onnisciente. Abbiamo fede nella sua saggezza, nella sua forza, potenza e amore sovrani. Usciamo dalla nostra adorazione con i nostri pensieri, le nostre parole e le nostre azioni.

Ci svegliamo pensando alla bontà di Dio nel concederci un altro giorno di vita, portandogli onore. Ci inginocchiamo in preghiera, offrendo la nostra giornata e noi stessi a Lui solo per fare ciò che vuole. Ci rivolgiamo subito a Lui perché camminiamo accanto a Lui in tutto ciò che facciamo e con incessante preghiera.

Diamo l’unica cosa che Dio vuole: diamo noi stessi.

Il privilegio dell’adorazione
AW Tozer ha detto: “Il cuore che conosce Dio può trovare Dio ovunque … una persona piena dello Spirito di Dio, una persona che ha incontrato Dio in un incontro vivente, può conoscere la gioia di adorarlo, sia nei silenzi di vita o nelle tempeste della vita “.

A Dio la nostra adorazione porta l’onore che è dovuto al suo nome, ma all’adoratore porta gioia attraverso la totale obbedienza e sottomissione a Lui. Non è solo un mandato e un’aspettativa, ma è anche un onore e un privilegio sapere che un Dio onnipotente non vuole altro che la nostra adorazione.