Crea sito

Che cosa sono i Salmi e chi li ha scritti realmente?

Il Libro dei Salmi è una raccolta di poesie che erano state originariamente messe in musica e cantate in adorazione a Dio. I Salmi non sono stati scritti da un solo autore ma da almeno sei uomini diversi nel corso di diversi secoli. Mosè scrisse uno dei Salmi e due furono scritti dal re Salomone circa 450 anni dopo.

Chi ha scritto i salmi?
Cento Salmi identificano il loro autore con un’introduzione sulla falsariga di “Una preghiera di Mosè, l’uomo di Dio” (Salmo 90). Di questi, 73 nominano David come scrittore. Cinquanta dei Salmi non menzionano il loro autore, ma molti studiosi ritengono che anche Davide possa aver scritto alcuni di questi.

Davide è stato re d’Israele per 40 anni, scelto per la carica perché era “un uomo secondo il cuore di Dio” (1 Samuele 13:14). La sua strada verso il trono è stata lunga e rocciosa, iniziata quando era ancora così giovane, non gli era ancora permesso di prestare servizio nell’esercito. Potresti aver sentito la storia di come Dio sconfisse un gigante attraverso Davide, un gigante che gli uomini adulti di Israele avevano avuto troppa paura di combattere (1 Samuele 17).

Quando questa impresa ottenne naturalmente alcuni fan a Davide, il re Saul divenne geloso. Davide servì fedelmente alla corte di Saul come musicista, calmando il re con la sua arpa e nell’esercito come leader coraggioso e di successo. L’odio di Saul per lui non fece che aumentare. Alla fine, Saul decise di ucciderlo e lo inseguì per anni. David ha scritto alcuni dei suoi Salmi mentre si nascondeva nelle caverne o nel deserto (Salmo 57, Salmo 60).

Chi erano alcuni altri autori di Salmi?
Mentre Davide scriveva circa la metà dei Salmi , altri autori hanno contribuito con canti di lode, lamento e ringraziamento.

Salomone
Uno dei figli di Davide, Salomone successe a suo padre come re e divenne famoso in tutto il mondo per la sua grande saggezza. Era giovane quando salì al trono, ma 2 Cronache 1: 1 ci dice “Dio era con lui e lo rese straordinariamente grande”.

In effetti, Dio fece un’offerta sbalorditiva a Salomone all’inizio del suo regno. “Chiedi quello che vuoi che ti dia”, disse al giovane re ( 2 Cronache 1: 7 ). Piuttosto che ricchezza o potere per se stesso, Salomone richiese sapienza e conoscenza con cui governare il popolo di Dio, Israele. Dio rispose rendendo Salomone più saggio di chiunque altro fosse mai vissuto ( 1 Re 4: 29-34 ).

Salomone ha scritto il Salmo 72 e il Salmo 127 . In entrambi, riconosce che Dio è la fonte della giustizia, della rettitudine e del potere del re.

Ethan e Heman
Quando la saggezza di Salomone è descritta in 1 Re 4:31 , lo scrittore dice che il re “era più saggio di chiunque altro, incluso Ethan l’Ezrahita, più saggio di Heman, Kalkol e Darda, i figli di Mahol …”. Immagina di essere così saggio da essere considerato lo standard con cui si misura Salomone! Ethan ed Heman sono due di questi uomini straordinariamente saggi, ea ciascuno di loro è attribuito un salmo.

Molti salmi iniziano con un lamento o una lamentela e terminano con l’adorazione, poiché lo scrittore è confortato dal pensare alla bontà di Dio. Quando Ethan scrisse il Salmo 89 , capovolse quel modello. Ethan inizia con una travolgente e gioiosa canzone di lode, poi condivide il suo dolore con Dio e chiede aiuto per la sua situazione attuale.

Heman, d’altra parte, inizia con un lamento e termina con un lamento nel Salmo 88 , spesso definito il salmo più triste. Quasi ogni altra oscura canzone di lamento è bilanciata da punti luminosi di lode a Dio. Non così con il Salmo 88 , che Heman ha scritto in concerto con i Figli di Korah.

Anche se Heman è profondamente addolorato nel Salmo 88 , inizia la canzone: “O Signore, il Dio che mi salva …” e spende il resto dei versetti chiedendo aiuto a Dio. Modella una fede che si aggrappa a Dio e persiste nella preghiera attraverso le prove più oscure, più pesanti e più lunghe.

Heman ha sofferto fin dalla sua giovinezza, si sente “completamente inghiottito” e non può vedere altro che paura, solitudine e disperazione. Eppure eccolo qui, a mostrare la sua anima a Dio, ancora credendo che Dio è lì con lui e ascolta le sue grida. Romani 8: 35-39 ci rassicura che Heman aveva ragione.

Asaf
Heman non era l’unico salmista che si sentiva in questo modo. In Salmo 73: 21-26 , Asaf disse:

“Quando il mio cuore era addolorato
e il mio spirito amareggiato,
ero insensato e ignorante;
ero una bestia bruta prima di te.

Eppure sono sempre con te;
mi tieni per la mano destra.
Mi guidi con i tuoi consigli
e poi mi porterai nella gloria.

Chi ho io in paradiso tranne te?
E la terra non ha nulla che io desidero oltre a te.
La mia carne e il mio cuore possono fallire,
ma Dio è la forza del mio cuore
e della mia porzione per sempre “.

Nominato dal re Davide come uno dei suoi principali musicisti, Asaf prestò servizio nel tabernacolo davanti all’arca del Signore ( 1 Cronache 16: 4-6 ). Quarant’anni dopo, Asaf stava ancora servendo come capo del culto quando l’arca fu portata nel nuovo tempio costruito dal re Salomone ( 2 Cronache 5: 7-14 ).

Nei 12 salmi a lui accreditati, Asaf torna più volte al tema della giustizia di Dio. Molti sono canti di lamento che esprimono grande dolore e angoscia e implorano l’aiuto di Dio. Tuttavia Asaf esprime anche la fiducia che Dio giudicherà giustamente e che alla fine sarà fatta giustizia. Trova conforto nel ricordare ciò che Dio ha fatto in passato e confida che il Signore rimarrà fedele in futuro, nonostante la desolazione del presente ( Salmo 77 ).

Mosé
Chiamato da Dio a condurre gli israeliti fuori dalla schiavitù in Egitto e durante 40 anni di vagabondaggio nel deserto, Mosè pregò spesso a favore del suo popolo. In armonia con il suo amore per Israele, parla per l’intera nazione nel Salmo 90 , scegliendo i pronomi “noi” e “noi” dappertutto.

Il verso uno dice: “Signore, sei stato la nostra dimora per tutte le generazioni”. Generazioni di adoratori dopo Mosè avrebbero continuato a scrivere salmi ringraziando Dio per la sua fedeltà.

I figli di Korah
Korah era il capo di una rivolta contro Mosè e Aaronne, capi scelti da Dio per pascere Israele. In quanto membro della tribù di Levi, Korah aveva il privilegio di aiutare a prendersi cura del tabernacolo, la dimora di Dio. Ma questo non era abbastanza per Korah. Era geloso di suo cugino Aaron e ha cercato di strappargli il sacerdozio.

Mosè avvertì gli israeliti di allontanarsi dalle tende di questi uomini ribelli. Il fuoco dal cielo consumò Core ei suoi seguaci, e la terra inghiottì le loro tende ( Numeri 16: 1-35 ).

La Bibbia non ci dice l’età dei tre figli di Korah quando si verificò questo tragico evento. Sembra che fossero abbastanza saggi da non seguire il padre nella sua ribellione o troppo giovani per essere coinvolti ( Numeri 26: 8-11 ). In ogni caso, i discendenti di Korah hanno preso una strada molto diversa da quella del padre.

La famiglia di Korah serviva ancora nella casa di Dio circa 900 anni dopo. 1 Cronache 9: 19-27 ci dice che era loro affidata la chiave del tempio e avevano il compito di sorvegliare i suoi ingressi. La maggior parte dei loro 11 salmi riversano una calda e personale adorazione per Dio. In Salmo 84: 1-2 e 10 scrivono della loro esperienza di servizio nella casa di Dio:

“Quanto è bella la tua dimora,
o Signore Onnipotente!

L’anima mia anela, anche sviene,
per i cortili del Signore;
il mio cuore e la mia carne invocano il Dio vivente.

È meglio un giorno nei tuoi cortili
che mille altrove;
Preferirei essere un portinaio nella casa del mio Dio
che abitare nelle tende dei malvagi “.

Di cosa parlano i Salmi?
Con un gruppo così diversificato di autori e 150 poesie nella raccolta, c’è una vasta gamma di emozioni e verità espresse nei Salmi .

I canti di lamento esprimono un profondo dolore o una rabbia ardente per il peccato e la sofferenza e gridano a Dio per chiedere aiuto. ( Salmo 22 )
I canti di lode esaltano Dio per la sua misericordia e amore, potenza e maestà. ( Salmo 8 )
I canti di ringraziamento rendono grazie a Dio per aver salvato il salmista, la sua fedeltà a Israele o la sua gentilezza e giustizia a tutte le persone. ( Salmo 30 )
I canti di fiducia dichiarano che ci si può fidare di Dio per portare giustizia, salvare gli oppressi e prendersi cura dei bisogni del suo popolo. ( Salmo 62 )
Se c’è un tema unificante nel Libro dei Salmi, è la lode a Dio, per la Sua bontà e potenza, giustizia, misericordia, maestà e amore. Quasi tutti i Salmi, anche i più rabbiosi e dolorosi, offrono lode a Dio con l’ultimo verso. Con l’esempio o mediante istruzioni dirette, i salmisti incoraggiano il lettore a unirsi a loro nell’adorazione.

5 primi versetti dai Salmi
Salmo 23: 4 “Anche se cammino attraverso la valle più oscura, non temerò alcun male, poiché tu sei con me; la tua verga e il tuo bastone, mi confortano. “

Salmo 139: 14 “Ti lodo perché sono fatto in modo pauroso e meraviglioso; le tue opere sono meravigliose; Lo so benissimo. “

Salmo 27: 1 “Il Signore è la mia luce e la mia salvezza – di chi avrò paura? Il Signore è la roccaforte della mia vita, di chi avrò paura? “

Salmo 34:18 “Il Signore è vicino a coloro che hanno il cuore rotto e salva quelli che sono di spirito affranto”.

Salmo 118: 1 “Rendete grazie al Signore, poiché è buono; il suo amore dura per sempre. “

Quando Davide scrisse i suoi salmi e perché?
All’inizio di alcuni salmi di Davide , nota cosa stava accadendo nella sua vita quando scrisse quella canzone. Gli esempi menzionati di seguito coprono gran parte della vita di Davide, sia prima che dopo essere diventato re.

Salmo 34 : “Quando finse di essere pazzo davanti ad Abimelek, che lo scacciò, e se ne andò”. Scappando da Saul, Davide era fuggito in territorio nemico e usò questo trucco per sfuggire al re di quel paese. Sebbene Davide sia ancora un esule senza una casa o molte speranze dal punto di vista umano, questo Salmo è un grido di gioia, che ringrazia Dio per aver ascoltato il suo grido e averlo liberato.

Salmo 51 : “Quando il profeta Natan venne da lui dopo che Davide aveva commesso adulterio con Betsabea “. Questa è una canzone di lamento, una triste confessione del suo peccato e una richiesta di misericordia.

Salmo 3 : “Quando fuggì da suo figlio Absalom”. Questa canzone di lamento ha un tono diverso perché la sofferenza di Davide è dovuta al peccato di qualcun altro, non al suo. Dice a Dio quanto si sente sopraffatto, loda Dio per la sua fedeltà e Gli chiede di alzarsi e salvarlo dai suoi nemici.

Salmo 30 : “Per la dedicazione del tempio”. Probabilmente Davide avrebbe scritto questa canzone verso la fine della sua vita, mentre preparava il materiale per il tempio che Dio gli aveva detto che suo figlio Salomone avrebbe costruito. David ha scritto questa canzone per ringraziare il Signore che lo aveva salvato così tante volte, per lodarlo per la sua fedeltà nel corso degli anni.

Perché dovremmo leggere i salmi?
Nel corso dei secoli, il popolo di Dio si è rivolto ai Salmi in tempi di gioia e in tempi di grande difficoltà. Il linguaggio grandioso ed esuberante dei salmi ci offre parole con cui lodare un Dio indicibilmente meraviglioso. Quando siamo distratti o preoccupati, i Salmi ci ricordano che Dio potente e amorevole serviamo. Quando il nostro dolore è così grande che non possiamo pregare, le grida dei salmisti mettono parole al nostro dolore.

I Salmi sono confortanti perché riportano la nostra attenzione sul nostro amorevole e fedele Pastore e sulla verità che Egli è ancora sul trono: niente è più potente di Lui o al di fuori del Suo controllo. I Salmi ci rassicurano che non importa quello che stiamo provando o sperimentando, Dio è con noi ed è buono.