Crea sito

Buddismo: filosofia o religione?

Il buddismo, comunque un po ‘di buddismo, è una pratica di contemplazione e indagine che non dipende dalla credenza in Dio o in un’anima o in qualcosa di soprannaturale. Pertanto, la teoria va, non può essere una religione.

Sam Harris ha espresso questa visione del buddismo nel suo saggio ” Killing the Buddha ” ( Shambhala Sun , marzo 2006). Harris ammira il buddismo, definendolo “la fonte più ricca di saggezza contemplativa che ogni civiltà ha prodotto”. Ma pensa che sarebbe ancora meglio se potesse essere allontanato dai buddisti.

“La saggezza del Buddha è attualmente intrappolata nella religione del buddismo”, lamenta Harris. “Peggio ancora, la continua identificazione dei buddisti con il buddismo fornisce tacito sostegno alle differenze religiose nel nostro mondo. “Buddista” deve essere in modo inaccettabile nella violenza e nell’ignoranza del mondo “.

La frase “Uccidere il Buddha” deriva da uno Zen che dice ” Se incontri il Buddha sulla strada, uccidilo”. Harris lo interpreta come un avvertimento contro la trasformazione del Buddha in un “feticcio religioso” e quindi la mancanza dell’essenza dei suoi insegnamenti.

Ma questa è l’interpretazione di Harris della frase. Nello Zen, “uccidere il Buddha” significa estinguere idee e concetti sul Buddha per realizzare il vero Buddha. Harris non sta uccidendo il Buddha; sta semplicemente sostituendo un’idea religiosa del Buddha con un’altra non religiosa di suo gradimento.


In molti modi, l’argomento “religione contro filosofia” è artificiale. La netta separazione tra religione e filosofia su cui insistiamo oggi non esisteva nella civiltà occidentale fino al XVIII secolo circa e non vi fu mai una tale separazione nella civiltà orientale. Insistere sul fatto che il buddismo debba essere una cosa e non l’altra equivale a forzare un prodotto antico nella confezione moderna.

Nel buddismo, questo tipo di packaging concettuale è considerato una barriera per l’illuminazione. Senza accorgercene usiamo concetti prefabbricati su noi stessi e il mondo che ci circonda per organizzare e interpretare ciò che apprendiamo e sperimentiamo. Una delle funzioni della pratica buddista è spazzare via tutti i casellari artificiali nella nostra testa in modo da vedere il mondo così com’è.

Allo stesso modo, discutere sul fatto che il buddismo sia una filosofia o una religione non è un argomento sul buddismo. È una discussione sui nostri pregiudizi riguardo alla filosofia e alla religione. Il buddismo è quello che è.

Dogma contro misticismo
L’argomento buddismo-come-filosofia si basa fortemente sul fatto che il buddismo è meno dogmatico della maggior parte delle altre religioni. Questo argomento, tuttavia, ignora il misticismo.

Il misticismo è difficile da definire, ma fondamentalmente è l’esperienza diretta e intima della realtà ultima, o l’Assoluto, o Dio. La Stanford Encyclopedia of Philosophy ha una spiegazione più dettagliata del misticismo.

Il buddismo è profondamente mistico e il misticismo appartiene alla religione più che alla filosofia. Attraverso la meditazione, Siddhartha Gautama ha sperimentato intimamente la Coscienza oltre il soggetto e l’oggetto, il sé e l’altro, la vita e la morte. L’esperienza dell’illuminazione è la condizione sine qua non del buddismo.

trascendenza
Che cos’è la religione? Coloro che sostengono che il buddismo non è una religione tendono a definire la religione come un sistema di credenze, che è una nozione occidentale. Lo storico religioso Karen Armstrong definisce la religione come una ricerca della trascendenza, che va oltre il sé.

Si dice che l’unico modo per comprendere il buddismo sia praticarlo. Attraverso la pratica, si percepisce il suo potere trasformativo. Un buddismo che rimane nel regno dei concetti e delle idee non è buddismo. Le vesti, i rituali e altri simboli della religione non sono una corruzione del buddismo, come alcuni immaginano, ma espressioni di esso.

C’è una storia Zen in cui un professore ha visitato un maestro giapponese per indagare sullo Zen. Il maestro ha servito il tè. Quando la tazza del visitatore era piena, il maestro continuava a versare. Il tè si rovesciò dalla tazza e sul tavolo.

“La coppa è piena!” disse il professore. “Non entrerà più!”

“Come questa tazza,” disse il maestro, “Sei pieno delle tue opinioni e speculazioni. Come posso mostrarti Zen se non prima svuoti la tua tazza?”

Se vuoi capire il buddismo, svuota la tua tazza.