Crea sito

Bisogna dare un senso alla domenica

“Come Sunday” è la storia di uno spirito coraggioso o di una tragedia su una tradizione religiosa che offre ai suoi seguaci pochi strumenti per dare un senso alla loro fede?

Negli ultimi 25 anni circa, il protestantesimo evangelico non nominativo sembra essere diventato la religione di stato della periferia americana e in molte di queste chiese ogni pastore è un papa. Non affrontano requisiti educativi e la loro unica responsabilità arriva quando viene superato il paniere di offerte. Se è abbastanza pieno, allora la grazia abbonda. Se un predicatore strofina i fedeli nel modo sbagliato, abusa della loro fiducia o semplicemente dice loro cose che non vogliono sentire, se ne vanno.

Quindi cosa succede quando uno di quei pastori diventa profeta? E se sentisse sinceramente un messaggio di Dio che sfida le certezze del suo gregge? Questa è la storia raccontata nel nuovo film originale di Netflix Come Sunday , un dramma basato su persone ed eventi della vita reale. E, tra l’altro, questo film mi ha reso davvero grato di appartenere a una chiesa che ha un magistero autorevole per interpretare la Scrittura alla luce della ragione e della tradizione.

Carlton Pearson, il personaggio principale di Come Sunday , interpretato da Chiwetel Ejiofor (Solomon Northrup in 12 anni schiavo ), era una superstar di megachurch afroamericana. Autorizzato a predicare all’età di 15 anni, finì alla Oral Roberts University (ORU) e divenne un protetto personale del fondatore del televangelista della scuola. Poco dopo la laurea in ORU, rimase a Tulsa e fondò la Chiesa di dimensioni superiori, una compagnia razzialmente integrata e (ovviamente) non nominativa che divenne rapidamente di 5.000 membri. La sua predicazione e il suo canto lo hanno reso una figura nazionale nel mondo evangelico. Andò in tutto il paese proclamando l’urgenza di un’esperienza cristiana rinata.

Quindi suo zio di 70 anni, che non venne mai da Gesù, si impiccò nella sua cella di prigione. Non molto tempo dopo, Pearson si svegliò nel cuore della notte, facendo dondolare la sua bambina, quando vide un reportage via cavo sul genocidio, la guerra e la fame in Africa centrale. Nel film, mentre le immagini di cadaveri africani riempiono lo schermo della TV, gli occhi di Pearson si riempiono di lacrime. Si siede fino a notte fonda, piangendo, scrutando la sua Bibbia e pregando.

Nella scena successiva vediamo Pearson di fronte alla sua congregazione delle dimensioni di un Colosseo che racconta cosa è successo quella notte. Non aveva pianto perché persone innocenti stavano morendo di morti crudeli e inutili. Pianse perché quella gente stava andando all’eterno tormento dell’inferno.

Durante quella lunga notte, dice Pearson, Dio gli disse che tutta l’umanità era già stata salvata e sarebbe stata accolta in sua presenza. Questa notizia è accolta dal diffuso borbottio e dalla confusione tra la congregazione e dalla rabbia totale da parte del personale delle dimensioni superiori. Pearson trascorre la settimana successiva in clausura in un motel locale con la sua Bibbia, digiunando e pregando. Lo stesso Oral Roberts (interpretato da Martin Sheen) si presenta persino per dire a Pearson che ha bisogno di meditare su Romani 10: 9, il che dice che per essere salvato devi “confessare con la bocca il Signore Gesù”. Roberts promette di essere da Pearson chiesa la domenica successiva per sentirlo ritrattare.

Quando arriva domenica, Pearson sale sul palco e, con Roberts che guarda, afferra goffamente le parole. Cerca nella sua Bibbia Romani 10: 9 e sembra in procinto di lanciarsi nella sua ritrattazione, ma invece si trasforma in 1 Giovanni 2: 2: “. . . Gesù Cristo . . . è il sacrificio espiatorio per i nostri peccati, e non solo per i nostri ma anche per i peccati di tutto il mondo “.

Mentre Pearson difende il suo nuovo universalismo, i membri della congregazione, tra cui Roberts, iniziano a uscire. Durante la settimana successiva, quattro ministri bianchi dello staff di Pearson vengono a dirgli che stanno per partire per fondare la loro chiesa. Infine, Pearson viene convocato davanti a una giuria di vescovi pentecostali afroamericani e dichiarato eretico.

Alla fine vediamo Pearson passare al secondo atto della sua vita, dando un sermone ospite in una chiesa californiana guidata da un ministro lesbico afroamericano, e il testo sullo schermo ci dice che vive ancora a Tulsa e ministri della Chiesa Unitaria All Souls.

La maggior parte del pubblico sta probabilmente prendendo Come Sunday come il racconto di uno spirito coraggioso e indipendente schiacciato dai fondamentalisti dalla mentalità ristretta. Ma la tragedia maggiore qui è che la tradizione religiosa di Pearson gli ha fornito così pochi strumenti per dare un senso alla sua fede.

L’intuizione iniziale di Pearson sulla misericordia di Dio sembra abbastanza buona e vera. Tuttavia, mentre si precipitava da quella intuizione direttamente alla posizione sdolcinata che non c’è inferno e tutti sono salvati, non importa quale sia, mi sono ritrovato a supplicarlo, “Leggi i cattolici; leggi i cattolici! ”Ma, ovviamente, non l’ha mai fatto.

Se lo avesse fatto avrebbe trovato un corpo di insegnamento che risponde alle sue domande senza abbandonare la credenza cristiana ortodossa. L’inferno è l’eterna separazione da Dio, e deve esistere perché se gli umani hanno il libero arbitrio devono anche essere liberi di respingere Dio. C’è qualcuno all’inferno? Tutti sono salvati? Solo Dio lo sa, ma la chiesa ci insegna che tutti coloro che sono salvati, “cristiani” o no, sono salvati da Cristo perché Cristo è in qualche modo presente a tutte le persone, in ogni momento, in tutte le loro varie circostanze.

La tradizione religiosa di Carlton Pearson (e quella in cui sono cresciuto) è quella di Flannery O’Connor satirizzata come “la chiesa di Cristo senza Cristo”. Invece della reale presenza di Cristo nell’Eucaristia e nella successione apostolica, questi cristiani hanno solo la loro Bibbia, un libro che, sulla sua faccia, dice cose apparentemente contraddittorie su molte questioni importanti.

Per avere una fede che abbia un senso, l’autorità di interpretare quel libro deve semplicemente basarsi su qualcosa di diverso dalla capacità di attirare la più grande folla e il cesto di raccolta più completo.