Crea sito

Angelus: Papa Francesco prega per la pace e la giustizia in Nigeria

Papa Francesco ha fatto appello per porre fine alla violenza in Nigeria dopo aver recitato la domenica dell’Angelus.

Parlando da una finestra che si affaccia su Piazza San Pietro il 25 ottobre, il Papa ha detto di aver pregato che la pace venga ristabilita “attraverso la promozione della giustizia e del bene comune”.

Ha detto: “Seguo con particolare preoccupazione le notizie che arrivano dalla Nigeria sui recenti violenti scontri tra le forze dell’ordine e alcuni giovani manifestanti”.

“Preghiamo il Signore che sia sempre evitata ogni forma di violenza, nella costante ricerca dell’armonia sociale attraverso la promozione della giustizia e del bene comune”.

Le proteste contro la brutalità della polizia sono scoppiate nel paese più popoloso dell’Africa il 7 ottobre. I manifestanti hanno chiesto l’abolizione di un’unità di polizia nota come Squadra speciale anti-rapina (SARS).

La forza di polizia nigeriana ha detto l’11 ottobre che avrebbe sciolto la SARS, ma le manifestazioni sono continuate. Secondo Amnesty International, uomini armati hanno aperto il fuoco sui manifestanti il ​​20 ottobre nella capitale, Lagos, uccidendo almeno 12 persone. L’esercito nigeriano ha negato la responsabilità per le morti.

La polizia nigeriana ha detto sabato che avrebbe “usato tutti i mezzi legittimi per fermare un ulteriore scivolamento nell’illegalità”, tra saccheggi e ulteriore violenza nelle strade.

Circa 20 milioni dei 206 milioni di abitanti della Nigeria sono cattolici.

Nella sua riflessione davanti all’Angelus, il papa ha meditato sulla lettura del Vangelo del giorno (Matteo 22: 34-40), in cui uno studioso della legge sfida Gesù a nominare il comandamento più grande.

Notò che Gesù rispose dicendo: “Amerai il Signore, tuo Dio, con tutto il tuo cuore, con tutta la tua anima e con tutta la tua mente” e “Il secondo è simile: amerai il tuo prossimo come te stesso”.

Il papa ha suggerito che l’interrogante voleva coinvolgere Gesù in una disputa sulla gerarchia delle leggi.

“Ma Gesù stabilisce due principi essenziali per i credenti di tutti i tempi. La prima è che la vita morale e religiosa non può essere ridotta a un’obbedienza ansiosa e forzata ”, ha spiegato.

Ha continuato: “La seconda pietra angolare è che l’amore deve tendere insieme e inseparabilmente verso Dio e verso il prossimo. Questa è una delle principali innovazioni di Gesù e ci aiuta a capire che ciò che non si esprime nell’amore del prossimo non è il vero amore di Dio; e, allo stesso modo, ciò che non è tratto dalla propria relazione con Dio non è il vero amore del prossimo “.

Papa Francesco ha notato che Gesù ha concluso la sua risposta dicendo: “Tutta la legge ei profeti dipendono da questi due comandamenti”.

“Ciò significa che tutti i precetti che il Signore ha dato al suo popolo devono essere collegati all’amore di Dio e del prossimo”, ha detto.

“In effetti, tutti i comandamenti servono per attuare ed esprimere quel duplice amore indivisibile”.

Il papa ha detto che l’amore a Dio si esprime soprattutto nella preghiera, soprattutto nell’adorazione.

“Trascuriamo così tanto l’adorazione di Dio”, ha lamentato. “Facciamo la preghiera di ringraziamento, la supplica per chiedere qualcosa … ma trascuriamo l’adorazione. Adorare Dio è il fulcro della preghiera “.

Il papa ha aggiunto che ci dimentichiamo anche di agire con carità verso gli altri. Non ascoltiamo gli altri perché li troviamo noiosi o perché impiegano il nostro tempo. “Ma troviamo sempre il tempo per chiacchierare”, ha osservato.

Il papa ha detto che nel vangelo di domenica Gesù indirizza i suoi seguaci alla fonte dell’amore.

“Questa sorgente è Dio stesso, da amare completamente in una comunione che niente e nessuno può spezzare. Una comunione che è un dono da invocare ogni giorno, ma anche un impegno personale a non lasciare che le nostre vite diventino schiave degli idoli del mondo ”, ha detto.

“E la prova del nostro cammino di conversione e di santità consiste sempre nell’amore del prossimo … La prova che amo Dio è che amo il prossimo. Finché ci sarà un fratello o una sorella a cui chiudiamo i nostri cuori, saremo ancora lontani dall’essere discepoli come Gesù ci chiede. Ma la sua divina misericordia non ci lascia scoraggiare, anzi ci chiama a ricominciare ogni giorno a vivere con coerenza il Vangelo “.

Dopo l’Angelus, Papa Francesco ha salutato i residenti di Roma ei pellegrini di tutto il mondo che si erano radunati nella piazza sottostante, distanziati per prevenire la diffusione del coronavirus. Ha individuato un gruppo chiamato “Cella di Evangelizzazione”, annesso alla Chiesa di San Michele Arcangelo a Roma.

Ha poi annunciato i nomi di 13 nuovi cardinali, che riceveranno il cappello rosso in un concistoro il 28 novembre, vigilia della prima domenica di Avvento.

Il papa ha concluso la sua riflessione dell’Angelus dicendo: “L’intercessione di Maria Santissima apra i nostri cuori per accogliere il ‘grande comandamento’, il duplice comandamento dell’amore, che racchiude tutta la Legge di Dio e da cui dipende la nostra salvezza”.