Crea sito

8 cose da sapere e condividere su Santa Caterina da Siena

Il 29 aprile è il memoriale di Santa Caterina da Siena.

È una santa, una mistica e una dottoressa della Chiesa, nonché una patrona dell’Italia e dell’Europa.

Chi era lei e perché la sua vita è così significativa?

Ecco 8 cose da sapere e condividere …

  1. Chi è Santa Caterina da Siena?
    Nel 2010, Papa Benedetto ha tenuto un’udienza in cui ha discusso i fatti di base della sua vita:

Nata a Siena [Italia] nel 1347, in una famiglia molto numerosa, morì a Roma nel 1380.

Quando Catherine aveva 16 anni, motivata da una visione di San Domenico, entrò nel Terzo Ordine dei Dominicani, il ramo femminile noto come Mantellate .

Mentre viveva in casa, confermò il suo voto di verginità fatto privatamente quando era ancora adolescente e si dedicò alla preghiera, alla penitenza e alle opere di carità, specialmente a beneficio dei malati.

Nota dalle sue date di nascita e morte che ha vissuto solo per avere 33 anni. Tuttavia, sono successe molte cose durante la sua vita!

  1. Cosa è successo dopo che Santa Caterina è entrata nella vita religiosa?
    Parecchie cose. Santa Caterina fu ricercata come direttrice spirituale, e recitò un ruolo nel porre fine al papato di Avignone (quando il papa, sebbene fosse ancora il vescovo di Roma, viveva effettivamente ad Avignone, in Francia).

Papa Benedetto spiega:

Quando la fama della sua santità si diffuse, divenne la protagonista di un’intensa attività di guida spirituale per persone di ogni estrazione sociale: nobili e politici, artisti e gente comune, uomini e donne consacrati e religiosi, incluso Papa Gregorio XI che viveva ad Avignone in quel periodo e che ha sollecitato energicamente ed efficacemente a tornare a Roma.

Ha viaggiato molto per sollecitare la riforma interna della Chiesa e per promuovere la pace tra gli Stati.

È stato anche per questo motivo che il Venerabile Papa Giovanni Paolo II ha scelto di dichiarare la sua Patronessa d’Europa: possa il Vecchio Continente non dimenticare mai le radici cristiane che sono all’origine del suo progresso e continuare a trarre dal Vangelo i valori fondamentali che assicurare giustizia e armonia.

  1. Ha affrontato l’opposizione nella sua vita?
    Papa Benedetto spiega:

Come molti dei santi, Caterina conobbe grandi sofferenze.

Alcuni pensarono addirittura che non avrebbero dovuto fidarsi di lei, al punto che nel 1374, sei anni prima della sua morte, il Capitolo Generale dei Domenicani la convocò a Firenze per interrogarla.

Hanno nominato Raymund di Capua, un frate istruito e umile e un futuro Maestro generale dell’Ordine, come sua guida spirituale.

Diventato il suo confessore e anche il suo “figlio spirituale”, scrisse una prima biografia completa del Santo.

  1. Come si è sviluppata la sua eredità nel tempo?
    Papa Benedetto spiega:

Fu canonizzata nel 1461.

L’insegnamento di Caterina, che ha imparato a leggere con difficoltà e ha imparato a scrivere in età adulta, è contenuta nel Dialogo della Divina Provvidenza o Libro della Divina Dottrina , un capolavoro della letteratura spirituale, nel suo Epistolario e nella raccolta delle sue Preghiere .

Il suo insegnamento è dotato di tale eccellenza che nel 1970 il Servo di Dio Paolo VI la dichiarò Dottore della Chiesa, un titolo che fu aggiunto a quelli della Co-Patrona della Città di Roma – per volere del Beato. Pio IX – e della Patrona d’Italia – secondo la decisione del Venerabile Pio XII.

  1. Santa Caterina riferì di aver vissuto un “matrimonio mistico” con Gesù. Cos’era questo?
    Papa Benedetto spiega:

In una visione che fu sempre presente nel cuore e nella mente di Caterina, la Madonna la presentò a Gesù che le diede uno splendido anello, dicendole: ‘Io, il tuo Creatore e Salvatore, ti sposo nella fede, che manterrai sempre puro fino a quando celebri le tue nozze eterne con me in Paradiso ‘(Beato Raimondo da Capua, S. Caterina da Siena, Legenda maior , n. 115, Siena 1998).

Questo anello era visibile solo a lei.

In questo episodio straordinario vediamo il centro vitale del senso religioso di Catherine e di tutta la spiritualità autentica: il cristocentrismo.

Per lei Cristo era come il coniuge con cui esiste un rapporto di intimità, comunione e fedeltà; era la migliore amata che amava al di sopra di ogni altro bene.

Questa profonda unione con il Signore è illustrata da un altro episodio della vita di questo straordinario mistico: lo scambio di cuori.

Secondo Raymond di Capua che ha trasmesso le confidenze ricevute da Caterina, il Signore Gesù le apparve “tenendo tra le mani sante un cuore umano, rosso vivo e splendente”. Le aprì il fianco e mise il cuore dentro di lei dicendo: ‘Cara figlia, mentre ti ho tolto il cuore l’altro giorno, ora, vedi, ti sto dando il mio, così che tu possa continuare a vivere con esso per sempre ‘( ibid .).

Catherine visse veramente le parole di San Paolo: “Non sono più io che vivo, ma Cristo vive in me” (Galati 2:20).

  1. Cosa possiamo imparare da ciò che possiamo applicare nella nostra vita?
    Papa Benedetto spiega:

Come il santo senese, ogni credente sente il bisogno di conformarsi ai sentimenti del cuore di Cristo per amare Dio e il suo prossimo come ama Cristo stesso.

E tutti possiamo lasciare che i nostri cuori si trasformino e imparino ad amare come Cristo in una familiarità con lui che è nutrita dalla preghiera, dalla meditazione sulla Parola di Dio e dai sacramenti, soprattutto ricevendo frequentemente la Santa Comunione e con devozione.

Caterina appartiene anche alla folla di santi devoti all’Eucaristia con la quale ho concluso la mia Esortazione apostolica Sacramentum Caritatis ( cfr . N. 94).

Cari fratelli e sorelle, l’Eucaristia è uno straordinario dono d’amore che Dio rinnova continuamente per alimentare il nostro cammino di fede, rafforzare la nostra speranza e infiammare la nostra carità, per renderci sempre più simili a lui.

  1. Santa Caterina ha vissuto un “dono delle lacrime”. Cos’era questo?
    Papa Benedetto spiega:

Un altro tratto della spiritualità di Caterina è legato al dono delle lacrime.

Esprimono una sensibilità squisita e profonda, una capacità di essere commossi e di tenerezza.

Molti santi hanno avuto il dono delle lacrime, rinnovando l’emozione di Gesù stesso che non ha trattenuto o nascosto le lacrime sulla tomba del suo amico Lazzaro e al dolore di Maria e Marta o alla vista di Gerusalemme durante i suoi ultimi giorni questa terra.

Secondo Catherine, le lacrime dei santi si mescolano al sangue di Cristo, di cui parlava in toni vibranti e con immagini simboliche molto efficaci.

  1. Santa Caterina ad un certo punto usa un’immagine simbolica di Cristo come un ponte. Qual è il significato di questa immagine?
    Papa Benedetto spiega:

Nel Dialogo della Divina Provvidenza , descrive Cristo, con un’immagine insolita, come un ponte lanciato tra il Cielo e la terra.

Questo ponte è costituito da tre grandi scalinate costituite dai piedi, dal lato e dalla bocca di Gesù.

Sorgendo da queste scale l’anima passa attraverso le tre fasi di ogni percorso di santificazione: distacco dal peccato, pratica delle virtù e amore, unione dolce e amorevole con Dio.

Cari fratelli e sorelle, impariamo da Santa Caterina ad amare Cristo e la Chiesa con coraggio, intensamente e sinceramente.

Perciò facciamo le nostre parole di Santa Caterina che leggiamo nel Dialogo della Divina Provvidenza alla fine del capitolo che parla di Cristo come un ponte: ‘Per misericordia ci hai lavati nel suo Sangue, per misericordia hai desiderato per conversare con le creature. O impazzito d’amore! Non ti è bastato prendere carne, ma hai anche desiderato morire! … O misericordia! Il mio cuore annega nel pensare a te: non importa dove mi giro a pensare, trovo solo misericordia ‘(capitolo 30, pp. 79-80).