Crea sito

3 modi per aspettare pazientemente il Signore

Con poche eccezioni, credo che una delle cose più difficili che dobbiamo fare in questa vita sia aspettare. Capiamo tutti cosa significa aspettare perché lo abbiamo fatto tutti. Abbiamo sentito o visto confronti e reazioni di chi non ha risposto bene al dover aspettare. Potremmo essere in grado di ricordare momenti o eventi della nostra vita in cui non abbiamo risposto bene all’attesa.

Sebbene le risposte all’attesa siano varie, qual è la giusta risposta cristiana? Sta andando su tutte le furie? O fare i capricci? Andando avanti e indietro? O forse anche girando le dita? Ovviamente no.

Per molti, l’attesa è qualcosa che è tollerato. Tuttavia, Dio ha uno scopo più grande nella nostra attesa. Vedremo che quando lo faremo secondo le modalità di Dio, c’è un grande valore nell’aspettare il Signore. Dio desidera veramente sviluppare la pazienza nella nostra vita. Ma qual è la nostra parte in questo?

1. Il Signore vuole che aspettiamo pazientemente
“Lascia che la perseveranza finisca il suo lavoro in modo che tu possa essere maturo e completo, senza che manchi nulla” ( Giacomo 1: 4 ).

La parola perseveranza qui indica resistenza e continuità. Il dizionario biblico di Thayer e Smith lo definisce come “… la caratteristica di un uomo che non è sviato dal suo scopo deliberato e dalla sua lealtà alla fede e alla pietà anche nelle prove e nelle sofferenze più grandi”.

È questo il tipo di pazienza che esercitiamo? Questo è il tipo di pazienza che il Signore vedrebbe manifestarsi in noi. C’è una resa che è coinvolta in questo, perché dobbiamo permettere alla pazienza di avere il suo posto nella nostra vita, con il risultato finale che saremo portati alla maturità spirituale. Aspettare pazientemente ci aiuta a crescere.

Giobbe era un uomo che mostrava questo tipo di pazienza. Attraverso le sue afflizioni, scelse di aspettare il Signore; e sì, la pazienza è una scelta.

“Come sai, consideriamo benedetti coloro che hanno perseverato. Hai sentito parlare della perseveranza di Giobbe e hai visto ciò che il Signore ha fatto alla fine. Il Signore è pieno di compassione e misericordia ”( Giacomo 5:11 ).

Questo verso afferma letteralmente che siamo considerati benedetti quando sopportiamo, e il risultato della nostra paziente perseveranza, anche nelle circostanze più difficili, è che saremo i destinatari della compassione e della misericordia di Dio. Non possiamo sbagliare aspettando il Signore!

giovane donna che guarda malinconicamente fuori da una finestra, per coloro che non hanno fatto grandi cose per Dio

2. Il Signore vuole che aspettiamo con ansia
“Siate pazienti, quindi, fratelli e sorelle, fino alla venuta del Signore. Guarda come l’agricoltore aspetta che la terra produca il suo prezioso raccolto, aspettando pazientemente le piogge autunnali e primaverili ”( Giacomo 5: 7 ).

Ad essere onesti, a volte aspettare il Signore è come guardare l’erba crescere; quando succederà! Piuttosto, scelgo di guardare l’attesa del Signore come guardare un orologio a pendolo vecchio stile, le cui lancette non si possono vedere muoversi, ma sai che lo sono perché il tempo passa. Dio lavora in ogni momento pensando ai nostri migliori interessi e si muove al Suo ritmo.

Qui nel verso sette, la parola pazienza porta con sé l’idea di longanimità . Questo è il modo in cui molti di noi vedono l’attesa – come una forma di sofferenza. Ma questo non è ciò che James sta tirando fuori. Sta affermando che ci saranno momenti in cui dovremo semplicemente aspettare – per molto tempo!

È stato detto che viviamo in una generazione di microonde (immagino che ora viviamo in una generazione di friggitrici ad aria); l’idea è che vogliamo quello che vogliamo non prima di adesso . Ma nel regno spirituale, non è sempre così. James qui fa l’esempio del contadino che pianta il suo seme e aspetta il suo raccolto. Ma come dovrebbe aspettare? La parola aspettare in questo verso significa cercare o aspettare con aspettativa. Questa parola è usata molte altre volte nel Nuovo Testamento e ci fornisce ulteriori informazioni sull’attesa in attesa.

“Qui un gran numero di disabili mentiva: ciechi, zoppi, paralizzati” ( Giovanni 5: 3 ).

Questa storia familiare dell’uomo disabile presso la Piscina di Bethesda ci mostra che quest’uomo aspettava con aspettativa il movimento delle acque.

“Poiché attendeva con ansia la città con le fondamenta, il cui architetto e costruttore è Dio” ( Ebrei 11:10 ).

Qui, lo scrittore di Ebrei parla di Abramo, che guardava e aspettava con aspettativa la città celeste.

Questa è dunque l’aspettativa che dovremmo avere mentre aspettiamo il Signore. C’è un ultimo modo in cui credo che il Signore vorrebbe che aspettassimo.

3. Il Signore vuole che aspettiamo fermamente
“Pertanto, miei cari fratelli e sorelle, state saldi. Non lasciare che nulla ti muova. Dedicatevi sempre pienamente all’opera del Signore, perché sapete che la vostra fatica nel Signore non è vana ”( 1 Corinzi 15:58 ).

Il fatto che questo verso non parli dell’attesa non dovrebbe scoraggiarci. Si fa parlare di un determinato periodo di cuore, la mente e lo spirito che dovremmo possedere come viviamo la nostra vocazione. Credo che queste stesse qualità di essere fermi e risoluti dovrebbero essere presenti anche quando ci troviamo ad aspettare il Signore. Non dovremmo permettere che nulla ci allontani dalle nostre aspettative.

Ci sono oppositori, schernitori e haters che prosperano sminuendo la tua speranza. David lo ha capito. Mentre stava scappando per la sua vita dal re Saul, aspettando il momento in cui sarebbe stato di nuovo davanti al Signore nel tempio con il suo popolo, leggiamo due volte:

“Le mie lacrime sono state il mio cibo giorno e notte, mentre la gente mi dice tutto il giorno: ‘Dov’è il tuo Dio?’” ( Salmo 42: 3 ).

“Le mie ossa soffrono un’agonia mortale mentre i miei nemici mi insultano, dicendomi tutto il giorno: ‘Dov’è il tuo Dio?’” ( Salmo 42:10 ).

Se non abbiamo una ferma determinazione ad aspettare il Signore, parole come queste hanno la capacità di schiacciare e strappare da noi la paziente e piena aspettativa che aspetta il Signore.

Probabilmente la Scrittura più familiare e determinante riguardante l’attesa del Signore si trova in Isaia 40:31 . Si legge:

“Ma quelli che sperano nell’Eterno rinnoveranno la loro forza. Si libreranno sulle ali come aquile; correranno e non si stancheranno, cammineranno e non si affaticheranno ”( Isaia 40:31 ).

Dio ripristinerà e rinfrescherà la nostra forza in modo che abbiamo il potere per il lavoro che deve essere fatto. Dobbiamo ricordare che non è la nostra forza, o con il nostro potere che si compie la Sua volontà; è da e per mezzo del suo Spirito come Egli ci rafforza.

La capacità di amareggiare la nostra situazione

Montare con le ali come aquile, ci offre una “visione di Dio” della nostra circostanza. Ci fa vedere le cose da una prospettiva diversa e impedisce ai momenti difficili di sopraffarci o sopraffarci.

La capacità di andare avanti

Credo che Dio voglia sempre che andiamo avanti. Non dobbiamo mai ritirarci; dobbiamo stare fermi e vedere cosa farà, ma questo non è ritirarsi; attende con impazienza. Mentre lo aspettiamo in questo modo, non c’è niente che non possiamo fare.

L’attesa ci insegna a fidarci di Lui, anche nelle condizioni più difficili. Prendiamo un’altra pagina dal libro dei canti di David:

“Aspetta il SIGNORE; sii forte e fatti coraggio e aspetta l’Eterno ”( Salmo 27:14 ).

Amen!