3 belle ragioni per amare questa Devozione alla Madonna

L’11 febbraio è la festa della Madonna di Lourdes, patrona dei malati.

La Madonna ci ha donato questa devozione per santa Bernadette Soubirous, una giovane e umile ragazza di Lourdes, in Francia. Milioni di persone in tutto il mondo amano questa devozione, con buone ragioni!

Ecco 3 splendide ragioni per amare la miracolosa devozione alla Madonna di Lourdes:

La Madonna di Lourdes ha fornito a santa Bernadette molti messaggi.

Nel suo terzo messaggio a Santa Bernadette, Maria disse: “Non prometto di renderti felice in questo mondo ma nell’altro”. Questo riflette la felicità che Dio ha in serbo per noi nella vita a venire, e che lui chiama noi per offrire a Lui le nostre sofferenze innamorate.

Durante le prime sette apparizioni, il volto di Bernadette esibì gioia e felicità. Tuttavia, durante le apparizioni dall’otto al dodici, Bernadette non rifletteva questa luce.

Ha consumato le piante amare, ha strisciato nella sporcizia della grotta sulle sue ginocchia e ha bevuto acqua fangosa. Ha anche spalmato del fango sul viso e si è rivolta verso la folla di persone. La gente pensava che fosse pazza, ma questi gesti riflettevano Cristo.

Questi gesti erano una chiamata della Madonna che incoraggiava una vita di preghiera, penitenza per la salvezza delle anime. Ha detto: “Penitenza! Penitenza! Penitenza! Prega Dio per i peccatori. Bacia la terra come un atto di penitenza per i peccatori! ”

Secondo il sito ufficiale del Santuario di Lourdes , questi “gesti incomprensibili” erano anche “azioni bibliche”.

“Bernadette recita l’incarnazione, la passione e la morte di Cristo.

“Mettersi in ginocchio sul retro della Grotta: questa azione ricorda l’Incarnazione, Dio si umilia per diventare umano.

“Mangiare erbe amare sul retro della Grotta ricorda la tradizione ebraica trovata nei testi antichi.

“Spalmandole il viso di fango: quando il profeta Isaia ci parla di Cristo, lo descrive come” il servo sofferente “.”

Inoltre, attraverso queste apparizioni, Nostra Signora di Lourdes ha rivelato la sua identità. Disse a Bernadette: “Io sono l’Immacolata Concezione”.

Questo affermava il parroco di Bernadette che, in effetti, la Madonna le appariva. Questo messaggio indica la nostra chiamata alla santità.

Quando la Beata Madre apparve a Santa Bernadette alla grotta il 28 febbraio 1858, lei disse: “Vai a bere alla Primavera e lavati lì”. Diventò un posto incredibile per guarigioni miracolose.

Bernadette una volta disse: “Quest’acqua viene presa come medicina … Bisogna avere fede, si deve pregare: quest’acqua non sarebbe virtù senza fede!”

Circa 80.000 persone malate e disabili provenienti da tutto il mondo visitano ogni anno le sorgenti in cerca di cure e rinnovamento.

All’inizio del 2018, 70 miracoli approvati sono attribuiti al santuario mariano di Lourdes. Tuttavia, si sono verificate più di 7.000 affermazioni di guarigione aggiuntiva, anche se non sono ancora state approvate.

Il primo miracolo approvato fu la guarigione di Catherine Latapie il 1 ° marzo 1858. Si slogò il braccio e paralizzò la mano dopo una caduta. Dopo aver messo la mano e il braccio nell’acqua sorgiva, ha riacquistato il pieno movimento.

Suor Bernadette Moriau, una monaca di Beauvais, in Francia, è la 70ª e più recentemente approvata guarigione miracolosa. Ha partecipato a un pellegrinaggio al Santuario di Nostra Signora di Lourdes nel 2008.

La sorella Moriau era costretta su una sedia a rotelle a causa di danni alla colonna vertebrale. La suora fu dichiarata ufficialmente invalida nel 1980.

Secondo un articolo dell’Agenzia di stampa cattolica, dopo aver partecipato ad una benedizione per i malati nel Santuario di Lourdes, la suora ottantenne ha spiegato che “qualcosa ha cominciato a cambiare”.

“Ho sentito un [aumento di] benessere in tutto il corpo, un rilassamento, calore … Sono tornato nella mia stanza e lì, una voce mi ha detto di ‘toglierti le bretelle'”.

“Sorpresa. Potrei muovermi “, ha detto alla Catholic News Agency. La pubblicazione ha anche detto che “si è allontanata istantaneamente dalla sedia a rotelle, dalle bretelle e dai farmaci per il dolore”.