Crea sito

10 donne nella Bibbia che hanno superato le aspettative

Immediatamente possiamo pensare a donne nella Bibbia come Maria, Eva, Sara, Miriam, Ester, Ruth, Naomi, Deborah e Maria Maddalena. Ma ce ne sono altri che hanno solo una piccola apparizione nella Bibbia, alcuni anche solo un versetto.

Sebbene molte donne nella Bibbia fossero donne forti e capaci, queste donne non stavano ad aspettare che qualcun altro portasse a termine il lavoro. Temevano Dio e vivevano fedelmente. Hanno fatto quello che dovevano fare.

Dio ha conferito a tutte le donne il potere di essere forti e di seguire la sua chiamata, e ha usato le azioni di queste donne per ispirarci e insegnarci anni dopo attraverso il testo biblico.

Ecco 10 esempi di donne comuni nella Bibbia che hanno mostrato forza e fede incredibili .

1. Shiphrah e 2. Puah
Il re d’Egitto comandò alle due ostetriche ebree, Shiphrah e Puah, di uccidere tutti i ragazzi ebrei quando erano nati. In Esodo 1 leggiamo che le ostetriche temevano Dio e non facevano ciò che il re aveva loro comandato di fare. Invece hanno mentito e hanno detto che i bambini erano nati prima del loro arrivo. Questo primo atto di disobbedienza civile ha salvato la vita di molti bambini. Queste donne sono ottimi esempi di come possiamo resistere a un regime malvagio.

Shiphrah e Puah nella Bibbia – Esodo 1: 17-20
“Ma Shiphrah e Puah avevano rispetto per Dio. Non fecero quello che il re d’Egitto aveva detto loro di fare. Lasciarono vivere i ragazzi. Poi il re d’Egitto mandò a chiamare le donne. Chiese loro:” Perché avete fatto questo? Perché hai lasciato vivere i ragazzi? “Le donne risposero al Faraone:” Le donne ebree non sono come le donne d’Egitto. Sono forti. Hanno i loro bambini prima che arriviamo lì. “Quindi Dio è stato gentile con Shiphrah e Puah. E il popolo di Israele ha aumentato il loro numero sempre di più. Shiphrah e Puah avevano rispetto per Dio. Così ha dato loro le loro famiglie”.

Come hanno superato le aspettative: queste donne temevano Dio più del faraone senza nome in Esodo che avrebbe potuto facilmente ucciderle. Capivano la santità della vita e sapevano che quello che facevano agli occhi di Dio contava di più. Queste donne si trovavano di fronte a una scelta difficile, seguire questo nuovo Faraone o raccoglierne le conseguenze. Ci si sarebbe dovuto aspettare che cedessero al comando del Faraone per garantire la propria sicurezza, ma si tenevano fermi a ciò in cui credevano e si rifiutavano di uccidere i bambini ebrei.

3. Tamar
Tamar rimase senza figli e dipendente dall’ospitalità di suo suocero, Judah, ma abbandonò la sua responsabilità di fornirle un figlio per continuare la linea di famiglia. Ha accettato di far sposare il figlio più giovane, ma non ha mai mantenuto la sua promessa. Così Tamar si vestì da prostituta, andò a letto con suo suocero (non la riconobbe) e concepì da lui un figlio.

Oggi ci sembra strano, ma in quella cultura Tamar aveva più onore di Giuda, perché faceva ciò che era necessario per continuare la linea di famiglia, la linea che conduce a Gesù. La sua storia si trova a metà della storia di Giuseppe in Genesi 38 .

Tamar nella Bibbia – Genesi 38: 1-30
“In quel momento Giuda scese dai suoi fratelli e si voltò verso un certo Adullamita, il cui nome era Hirah. Là Giuda vide la figlia di un certo Cananeo il cui nome era Shua. Egli la prese ed entrò da lei, e concepì e diede alla luce un figlio, e lui lo chiamò Er. Ella concepì di nuovo e partorì un figlio, e lo chiamò Onan. Ancora una volta partorì un figlio, e lo chiamò Shelah. Giuda era a Chezib quando partorì lui … “

Come ha superato le aspettative: la gente si sarebbe aspettata che Tamar accettasse la sconfitta, invece si è difesa da sola. Sebbene possa sembrare un modo strano per farlo, si è guadagnata il rispetto di suo suocero e ha continuato la linea familiare. Quando si rese conto di ciò che era accaduto, Giuda riconobbe la sua colpa nel tenere il figlio più giovane lontano da Tamar. Il suo riconoscimento non solo ha giustificato la condotta non convenzionale di Tamar, ma ha anche segnato una svolta nella sua stessa vita. Il figlio di Tamar, Perez, è l’antenato della stirpe reale di Davide menzionato in Ruth 4: 18-22 .

4. Rahab
Raab era una prostituta a Gerico. Quando due spie per conto degli israeliti vennero a casa sua, lei li tenne al sicuro e li lasciò passare la notte. Quando il re di Gerico le ordinò di consegnarli, lei gli mentì dicendo che erano già partiti, ma in realtà li aveva nascosti sul suo tetto.

Raab temeva il Dio di un altro popolo, mentì al suo re terreno e aiutò un esercito di invasori. È citata in Giosuè 2 , 6: 22-25; Ebr. 11:31; Giacomo 2:25 ; e in Matt. 1: 5 insieme a Ruth e Maria nella genealogia di Cristo.

Raab nella Bibbia – Giosuè 2
Così il re di Gerico mandò questo messaggio a Raab: “Porta fuori gli uomini che sono venuti da te e sono entrati nella tua casa, perché sono venuti per esplorare l’intero paese”. Ma la donna aveva preso i due uomini e li aveva nascosti … Prima che le spie si sdraiassero per la notte, salì sul tetto e disse loro: “So che il Signore vi ha dato questa terra e che una grande paura di te è caduto su di noi, così che tutti coloro che vivono in questo paese si stanno sciogliendo nella paura a causa tua … Quando ne abbiamo sentito parlare, i nostri cuori si sono sciolti per la paura e il coraggio di tutti è venuto meno a causa tua, per il Signore tuo Dio è Dio lassù in cielo e quaggiù sulla terra. “Ora dunque, per favore giurami per il Signore che mostrerai gentilezza alla mia famiglia, perché ti ho mostrato gentilezza. Dammi un segno sicuro che risparmierai le vite di mio padre e mia madre,

Come ha superato le aspettative: il re di Gerico non si sarebbe aspettato che una prostituta lo superasse in astuzia e proteggesse le spie israelite. Sebbene Raab non avesse la professione più lusinghiera, fu abbastanza saggia da riconoscere che il Dio degli Israeliti era l’unico Dio! Ha giustamente temuto Dio ed è diventata un’improbabile amica degli uomini che hanno preso il controllo della sua città. Qualunque cosa tu possa pensare delle prostitute, questa signora della notte ha salvato la giornata!

5. Jehosheba
Quando la regina madre, Atalia, scoprì suo figlio, il re Acazia morto, giustiziò l’intera famiglia reale per assicurarsi la sua posizione di regina di Giuda. Ma la sorella del re, Ioseba, portò in salvo suo nipote neonato, il principe Joash, e lui divenne l’unico sopravvissuto al massacro. Sette anni dopo suo marito, Jehoiada, che era un sacerdote, ripristinò il trono del piccolo Joason.

Fu grazie al coraggio di Giosabà nello sfidare la zia che la linea reale di Davide fu preservata. Jehosheba è menzionato in 2 Re 11: 2-3 e 2 Cronache 22 , dove il suo nome è registrato come Jehoshabeath.

Jehoshabeath nella Bibbia – 2 Re 11: 2-3
“Ma Jehosheba, figlia del re Jehoram e sorella di Achaziah, prese Joas figlio di Achaziah e lo portò via tra i principi reali, che stavano per essere assassinati. Mise lui e la sua nutrice in una camera da letto per nasconderlo da Athaliah ; così non fu ucciso. Rimase nascosto con la sua nutrice nel tempio dell’Eterno per sei anni, mentre Atalia governava il paese “.

Come ha superato le aspettative: Athaliah era una donna in missione e sicuramente non se l’aspettava ! Giosabea ha rischiato la vita per salvare il principe Joash e la sua nutrice. Se fosse stata presa, sarebbe stata uccisa per la sua buona azione. Ioseba ci mostra che il coraggio non è limitato a un sesso. Chi avrebbe mai pensato che una donna apparentemente normale avrebbe salvato la stirpe reale di Davide dall’estinzione attraverso un atto d’amore.

* La parte triste di questa storia è che in seguito, dopo la morte di Ieoiada (e probabilmente di Giosabea), il re Joas non si ricordò della loro gentilezza e mise a morte il loro figlio, il profeta Zaccaria.

6. Huldah
Dopo che il sacerdote Hilkiah scoprì un libro della Legge durante i lavori di ristrutturazione al Tempio di Salomone, Huldah dichiarò profeticamente che il libro che trovarono era la parola autentica del Signore. Ha anche profetizzato la distruzione, poiché le persone non avevano seguito le istruzioni nel libro. Tuttavia, conclude rassicurando il re Giosia che non avrebbe visto la distruzione a causa del suo pentimento.

Huldah era sposata ma era anche una profetessa a pieno titolo. Fu usata da Dio per dichiarare che gli scritti trovati erano scritture autentiche. Puoi trovarla menzionata in 2 Re 22 e di nuovo in 2 Cronache 34: 22-28 .

Huldah nella Bibbia – 2 Re 22:14
‘Il sacerdote Hilkiah, Ahikam, Akbor, Shafan e Asaiah andarono a parlare con il profeta Huldah, che era la moglie di Shallum figlio di Tikvah, figlio di Harhas, custode del guardaroba. Viveva a Gerusalemme, nel quartiere nuovo “.

Come ha superato le aspettative: Huldah è l’unica donna profeta nel libro dei Re. Quando il re Giosia ebbe domande sul libro della Legge che era stato trovato, il suo sacerdote, segretario e attendente andarono da Huldah per chiarire la Parola di Dio. Confidavano che Huldah avrebbe profetizzato la verità; non importava che fosse una profetessa.

7. Lydia
Lidia è stata una delle prime convertite al cristianesimo. In Atti 16: 14-15 , viene descritta come un’adoratrice di Dio e una donna d’affari con una famiglia. Il Signore le aprì il cuore e lei e tutta la sua famiglia furono battezzati. Poi ha aperto la sua casa a Paolo e ai suoi compagni, offrendo ospitalità ai missionari.

Lidia nella Bibbia – Atti 16: 14-15
“Una certa donna di nome Lidia, adoratrice di Dio, ci stava ascoltando; era della città di Thyatira e commerciante di abiti viola. Il Signore le ha aperto il cuore per ascoltare con entusiasmo ciò che è stato detto da Paolo. Quando lei e la sua famiglia furono battezzati, ci esortò, dicendo: “Se mi hai giudicato fedele al Signore, vieni e resta a casa mia”. E lei ha prevalso su di noi “.

Come ha superato le aspettative: Lydia faceva parte di un gruppo che si riuniva per la preghiera in riva al fiume; non avevano una sinagoga, poiché le sinagoghe richiedevano almeno 10 uomini ebrei. Essendo una venditrice di stoffe viola, sarebbe stata ricca; tuttavia si umiliò offrendo ospitalità agli altri. Luke menziona Lydia per nome, sottolineando la sua importanza in questo record di storia.

8. Priscilla
Priscilla, conosciuta anche come Prisca, era una donna ebrea di Roma che si convertì al cristianesimo. Alcuni potrebbero far notare che viene sempre menzionata con il marito e mai da sola. Tuttavia, sono sempre mostrati come uguali in Cristo, e loro due insieme sono ricordati come leader della chiesa primitiva.

Priscilla nella Bibbia – Romani 16: 3-4
“Salutate Prisca e Aquila, che lavorano con me in Cristo Gesù, e che hanno rischiato il collo per la mia vita, a cui non solo rendo grazie, ma anche tutte le chiese dei pagani”. Pricilla e Aquila erano produttori di tende come Paolo ( Atti 18: 3 ).

Luca ci dice anche in Atti 18 che quando Apollo cominciò a parlare ad Efeso furono Priscilla e Aquila insieme che lo tirarono da parte e spiegarono la Via di Dio in modo più accurato.

Come ha superato le aspettative: Priscilla è un esempio di come marito e moglie possono avere un’equa collaborazione nel loro lavoro per il Signore. Era nota per avere uguale importanza per suo marito, sia per Dio che per la chiesa primitiva. Qui vediamo la chiesa primitiva che rispetta i mariti e le mogli che lavorano insieme come utili insegnanti per il Vangelo.

9. Phoebe
Phoebe era un diacono che serviva con i sorveglianti / anziani della chiesa. Ha sostenuto Paolo e molti altri nell’opera del Signore. Non si fa menzione di suo marito, se ne avesse uno.

Phobe nella Bibbia – In Romani 16: 1-2
“Raccomando a te nostra sorella Phoebe, diacono della chiesa di Cenchreae, affinché tu possa accoglierla nel Signore come si conviene ai santi, e aiutarla in qualunque cosa possa richiedere da te, perché è stata una benefattrice di molti e anche di me. “

Come ha superato le aspettative: Le donne non hanno ricevuto prontamente ruoli di leadership durante questo periodo, poiché le donne non erano ritenute affidabili come gli uomini nella cultura. La sua nomina a serva / diacono mostra la fiducia che le era stata attribuita dai primi dirigenti della chiesa.

10. Le donne che hanno assistito alla risurrezione di Cristo
Durante il tempo di Cristo, alle donne non era permesso essere testimoni in senso legale. La loro testimonianza non è stata considerata credibile. Tuttavia, sono le donne ad essere registrate nei vangeli come le prime a vedere il Cristo risorto e ad annunciarlo al resto dei discepoli.

I racconti variano a seconda dei vangeli, e mentre Maria Maddalena è la prima a testimoniare Gesù risorto in tutti e quattro i vangeli, i vangeli di Luca e Matteo includono anche altre donne come testimoni. Matteo 28: 1 include “l’altra Maria”, mentre Luca 24:10 include Joanna, Maria, la madre di Giacomo, e le altre donne.

Come hanno superato le aspettative: queste donne sono state registrate nella storia come testimoni credibili, in un’epoca in cui solo gli uomini erano considerati affidabili. Questo racconto ha lasciato perplessi molti nel corso degli anni che presumevano che i discepoli di Gesù avessero inventato il racconto della risurrezione.

Pensieri finali…
Ci sono molte donne forti nella Bibbia che dipendevano da Dio più che da loro stesse. Alcuni hanno dovuto mentire per salvare altri e altri hanno infranto la tradizione per fare la cosa giusta. Le loro azioni, guidate da Dio, sono registrate nella Bibbia affinché tutti possano leggerle e da cui essere ispirati.