Vangelo, Santo, preghiera del 20 marzo

Vangelo di oggi
Dal Vangelo di Gesù Cristo secondo Giovanni 8,21-30.
In quel tempo, Gesù disse ai farisei: «Io vado e voi mi cercherete, ma morirete nel vostro peccato. Dove vado io, voi non potete venire».
Dicevano allora i Giudei: «Forse si ucciderà, dal momento che dice: Dove vado io, voi non potete venire?».
E diceva loro: «Voi siete di quaggiù, io sono di lassù; voi siete di questo mondo, io non sono di questo mondo.
Vi ho detto che morirete nei vostri peccati; se infatti non credete che io sono, morirete nei vostri peccati».
Gli dissero allora: «Tu chi sei?». Gesù disse loro: «Proprio ciò che vi dico.

Avrei molte cose da dire e da giudicare sul vostro conto; ma colui che mi ha mandato è veritiero, ed io dico al mondo le cose che ho udito da lui».
Non capirono che egli parlava loro del Padre.
Disse allora Gesù: «Quando avrete innalzato il Figlio dell’uomo, allora saprete che Io Sono e non faccio nulla da me stesso, ma come mi ha insegnato il Padre, così io parlo.
Colui che mi ha mandato è con me e non mi ha lasciato solo, perché io faccio sempre le cose che gli sono gradite».
A queste sue parole, molti credettero in lui.

Santo di oggi – BEATO IPPOLITO GALANTINI
O Dio, che per la formazione cristiana dei fedeli
hai suscitato nel beato Ippolito
uno zelo singolare e instancabile,
concedi che, per i suoi meriti e le sue preghiere,
dopo avere adempiuto sulla terra
quanto la fede ha dettato,
possiamo ricevere in cielo
il gaudio che la fede ha promesso.
Per il nostro Signore Gesù Cristo, tuo Figlio, che è Dio,
e vive e regna con te, nell’unità dello Spirito Santo,
per tutti i secoli dei secoli.

Giaculatoria del giorno

Cuor di Gesù, fonte di ogni purità, abbi pietà di noi