Preghiera a Cristo Risorto da recitare oggi per chiedere una grazia

O Gesù, che con la tua risurrezione hai trionfato sul peccato e sulla morte,
e ti sei rivestito di gloria e di luce immortale,
concedi anche a noi di risorgere con te,
per poter incominciare insieme con te una vita nuova, luminosa,santa.
Opera in noi, o Signore, il divino cambiamento
che tu operi nelle anime che ti amano:
fa’ che il nostro spirito, trasformato mirabilmente dall’unione con te,
risplenda di luce, canti di gioia, si slanci verso il bene.
tu, che con la tua vittoria hai dischiuso agli uomini orizzonti infiniti
di amore e di grazia, suscita in noi l’ansia di diffondere
con la parola e con l’esempio il tuo messaggio di salvezza;
donaci lo zelo e l’ardore di lavorare per l’avvento del tuo regno.

Fa’ che siamo saziati della tua bellezza e della tua luce
e bramiamo di congiungerci a te per sempre.
Amen.

ROSARIO A GESU’ RISORTO

PREGHIERA INIZIALE:

O Maria, Madre di Dio e Madre nostra, accompagnaci nel cammino della vita cristiana perché sappiamo riconoscere che Gesù Risorto è con noi tutti i giorni, fino alla fine del mondo. Aiutaci a tenere accesa la lampada della fede e ad compiere le opere che il Signore prepara per ciascuno di noi.

PRIMO MISTERO: IL RISORTO SI MANIFESTA ALLA MADDALENA

Maria invece stava all’esterno vicino al sepolcro e piangeva. Mentre piangeva, si chinò verso il sepolcro e vide due angeli in bianche vesti, seduti l’uno dalla parte del capo e l’altro dei piedi, dove era stato posto il corpo di Gesù. Ed essi le dissero: “Donna, perché piangi?”. Rispose loro: “Hanno portato via il mio Signore e non so dove lo hanno posto”. Detto questo, si voltò indietro e vide Gesù che stava lì in piedi; ma non sapeva che era Gesù. Le disse Gesù: “Donna, perché piangi? Chi cerchi?”. Essa, pensando che fosse il custode del giardino, gli disse: “Signore, se l’hai portato via tu, dimmi dove lo hai posto e io andrò a prenderlo”.

Gesù le disse: “Maria!”. Essa allora, voltatasi verso di lui, gli disse in ebraico: “Rabbunì!”, che significa: Maestro! Gesù le disse: “Non mi trattenere, perché non sono ancora salito al Padre; ma va’ dai miei fratelli e di’ loro: Io salgo al Padre mio e Padre vostro, Dio mio e Dio vostro”. Maria di Màgdala andò subito ad annunziare ai discepoli: “Ho visto il Signore” e anche ciò che le aveva detto. (Giov. 20,11-18)

Padre nostro, 10 Ave Maria, Gloria.

Ti adoriamo e ti benediciamo o Gesù Risorto, perché con la tua morte e risurrezione hai redento il mondo.

SEC0NDO MISTERO: IL RISORTO SULLA STRADA DI EMMAUS

Ed ecco in quello stesso giorno due di loro erano in cammino per un villaggio distante circa sette miglia da Gerusalemme, di nome Èmmaus, E conversavano di tutto quello che era accaduto. Mentre discorrevano e discutevano insieme, Gesù in persona si accostò e camminava con loro. Ma i loro occhi erano incapaci di riconoscerlo. Ed egli disse loro: “Che sono questi discorsi che state facendo fra voi durante il cammino?”. Si fermarono, col volto triste; uno di loro, di nome Clèopa, gli disse: “Tu solo sei così forestiero in Gerusalemme da non sapere ciò che vi è accaduto in questi giorni?”. Domandò: “Che cosa?”. Gli risposero: “Tutto ciò che riguarda Gesù Nazareno, che fu profeta potente in opere e in parole, davanti a Dio e a tutto il popolo. Ed egli disse loro: “Sciocchi e tardi di cuore nel credere alla parola dei profeti! Non bisognava che il Cristo sopportasse queste sofferenze per entrare nella sua gloria?”. E cominciando da Mosè e da tutti i profeti spiegò loro in tutte le Scritture ciò che si riferiva a lui. (Luca 24,13-19.25-27)

Padre nostro, 10 Ave Maria, Gloria.

Ti adoriamo e ti benediciamo o Gesù Risorto, perché con la tua morte e risurrezione hai redento il mondo.

TERZO MISTERO: IL RISORTO SI MANIFESTA ALLO SPEZZARE DEL PANE

Quando furono vicini al villaggio dove erano diretti, egli fece come se dovesse andare più lontano. Ma essi insistettero: “Resta con noi perché si fa sera e il giorno già volge al declino”. Egli entrò per rimanere con loro. Quando fu a tavola con loro, prese il pane, disse la benedizione, lo spezzò e lo diede loro. Allora si aprirono loro gli occhi e lo riconobbero. Ma lui sparì dalla loro vista. Ed essi si dissero l’un l’altro: “Non ci ardeva forse il cuore nel petto mentre conversava con noi lungo il cammino, quando ci spiegava le Scritture?”. E partirono senz’indugio e fecero ritorno a Gerusalemme, dove trovarono riuniti gli Undici e gli altri che erano con loro, i quali dicevano: “Davvero il Signore è risorto ed è apparso a Simone”. Essi poi riferirono ciò che era accaduto lungo la via e come l’avevano riconosciuto nello spezzare il pane. (Luca 24,28-35)

Padre nostro, 10 Ave Maria, Gloria.

Ti adoriamo e ti benediciamo o Gesù Risorto, perché con la tua morte e risurrezione hai redento il mondo.

QUARTO MISTERO: IL RISORTO CONFERMA LA FEDE DI TOMMASO

Tommaso, uno dei Dodici, chiamato Dìdimo, non era con loro quando venne Gesù. Gli dissero allora gli altri discepoli: «Abbiamo visto il Signore!». Ma egli disse loro: «Se non vedo nelle sue mani il segno dei chiodi e non metto il dito nel posto dei chiodi e non metto la mia mano nel suo costato, non crederò».

Otto giorni dopo i discepoli erano di nuovo in casa e c’era con loro anche Tommaso. Venne Gesù, a porte chiuse, si fermò in mezzo a loro e disse: «Pace a voi!». Poi disse a Tommaso: «Metti qua il tuo dito e guarda le mie mani; stendi la tua mano, e mettila nel mio costato; e non essere più incredulo ma credente!». Rispose Tommaso: «Mio Signore e mio Dio!». Gesù gli disse: «Perché mi hai veduto, hai creduto: beati quelli che pur non avendo visto crederanno!». (Giov. 20,24-29)

Padre nostro, 10 Ave Maria, Gloria.

Ti adoriamo e ti benediciamo o Gesù Risorto, perché con la tua morte e risurrezione hai redento il mondo.

QUINTO MISTERO: IL RISORTO SI INCONTRA CON I SUOI AL LAGO DI TIBERIADE

Dopo questi fatti, Gesù si manifestò di nuovo ai discepoli sul mare di Tiberìade. E si manifestò così: si trovavano insieme Simon Pietro, Tommaso detto Dìdimo, Natanaèle di Cana di Galilea, i figli di Zebedèo e altri due discepoli. Disse loro Simon Pietro: “Io vado a pescare”. Gli dissero: “Veniamo anche noi con te”. Allora uscirono e salirono sulla barca; ma in quella notte non presero nulla. Quando già era l’alba Gesù si presentò sulla riva, ma i discepoli non si erano accorti che era Gesù. Gesù disse loro: “Figlioli, non avete nulla da mangiare?”. Gli risposero: “No”. Allora disse loro: “Gettate la rete dalla parte destra della barca e troverete”. La gettarono e non potevano più tirarla su per la gran quantità di pesci. Allora quel discepolo che Gesù amava disse a Pietro: “È il Signore!”. Simon Pietro appena udì che era il Signore, si cinse ai fianchi il camiciotto, poiché era spogliato, e si gettò in mare. Gli altri discepoli invece vennero con la barca, trascinando la rete piena di pesci: infatti non erano lontani da terra se non un centinaio di metri. Appena scesi a terra, videro un fuoco di brace con del pesce sopra, e del pane. Allora Gesù si avvicinò, prese il pane e lo diede a loro, e così pure il pesce. (Giov. 21,1-9.13)

Padre nostro, 10 Ave Maria, Gloria.

Ti adoriamo e ti benediciamo o Gesù Risorto, perché con la tua morte e risurrezione hai redento il mondo.

PREGHIAMO:

O Padre che per mezzo del tuo Unico Figlio hai vinto il peccato e la morte, concedi al tuo popolo di essere rinnovato nello Spirito Santo, per rinascere nella Luce del Signore Risorto. Te lo chiediamo per Cristo, nostro Signore. Amen.

SALVE REGINA

Precedente Oggi è SANTA BERNADETTE SOUBIROUS. Preghiera per chiederle una grazia Successivo Una preghiera molto potente nei pericoli da recitare per ottenere guarigione, liberazione e salvezza