Per ottenere una grazia speciale…

O Gesù Bambino, eccomi ad aprirti il mio cuore. Ho bisogno del tuo aiuto! Tu sei il mio tutto, mentre io sono nulla. Tu sei somma potenza, io somma indigenza; tu santità, io peccato; tu bontà infinita, io invece… Ma non disdegnare di guardare la mia nullità; muoviti a pietà di me. Non mi respingere anche se sono una creatura miserabile. Detesto le mie colpe e chiedo umilmente perdono. Sul tuo viso di fanciullo splende il più amabile sorriso e mi dice che tutto è perdonato. E poiché m’infondi confidenza, lascia che ti esponga ciò che mi ha portato ai tuoi piedi… Ti ho detto tutto, o Gesù; da te aspetto ora una parola: “Ti sia fatto come desideri”. Dì questa parola onnipotente: io la sospiro e non partirò di qui se non me la farai sentire. Da te solo aspetto la grazia: la mia fede non sarà delusa. Tre Gloria. Santo Gesù Bambino, benedicimi.

Ti sei raffigurato, o mio Gesù, in questa immagine di Bambino per attirarci maggiormente al tuo Cuore, per farci meglio sentire il tuo amore ed infonderci confidenza; tu solo sei il nostro appoggio. Ho sbagliato a rivolgermi in passato alle crea-ture! Troppe volte ho sperimentato l’inefficacia degli appoggi umani; la terra dà facilmente delusioni e amarezze. Ma ora non chiedo più nulla alle creature; tutto aspetto da te. Chi di te più potente, chi più compassionevole?… Con la tua promessa “Io vi favorirò” ci dici, o Bambino, che vuoi essere munifico con noi e in maggior misura quanto più ti ameremo. Io prometto di amarti ogni giorno di più; voglio servirti in avvenire con fedeltà. Dà dunque una risposta benigna alla mia richiesta. Te la presenta la tua Madre Santissima. Per la sua intercessione, per i meriti della tua divi-na infanzia concedimi ciò che ti chiedo. Tre Gloria. Santo Gesù Bambino, ascoltami.

Hai detto, o Gesù: “Qualunque cosa domanderete nella preghiera, abbiate fede di conse-guirla e l’otterrete”. è la condizione per godere dei tuoi benefici: credere nella tua potenza e nella tua bontà. Io ho questa fede, o celeste Bambino. Per questo mi rivol-go a te nelle angustie che mi aflliggono e non dubito di ottenere la grazia implorata, qualora non sia di ostacolo al mio vero bene e contraria al tuo beneplacito. Sono ancora tue, o Gesù le parole: “Domandate e riceverete; bussate e vi sarà aperto”. Fiducioso nella tua promessa, non mi stanco di bussare alla porta del tuo amore. Non tardare, o Gesù Bambino, ad aprirmi i tesori del tuo cuore per far gustare anche a me quell’effusione di bontà e di potenza che consolò tanti altri. Accordami presto la grazia che domando e canterò i trionfi della tua misericordia. Così sia. Tre Gloria Patri. Santo Gesù Bambino, esaudiscimi.

Da recitare per tre giorni consecutivi

Precedente "Per coloro che praticano questa devozione una grande grazia li attende" Successivo Il demonio fugge e trema quando si recita questa preghiera